Criptovalute in rosso, Bitcoin SV e Tether le nuove protagoniste: le 10 migliori

Tether ha raggiunto la sesta posizione nella classifica, Stellar resiste in quarta posizione con 2,1 miliardi di capitalizzazione azionaria.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Tether ha raggiunto la sesta posizione nella classifica, Stellar resiste in quarta posizione con 2,1 miliardi di capitalizzazione azionaria.

Nel momento in cui vi scriviamo la capitalizzazione di Coinmarketcap è scesa a 107 miliardi di dollari, un tonfo di 20 miliardi rispetto alle ultime 24 ore. Un dato che da solo può riassumere la situazione difficile attraversata dal mercato delle criptovalute. Bitcoin, Ripple ed Ethereum, vale a dire le prime tre monete digitali, sono in flessione di oltre il 10 per cento. La peggiore di tutte è Ethereum, che compie uno scivolone di 17 punti percentuali. Un ETH vale oggi 85 dollari, mentre la capitalizzazione è sprofondata a 8 miliardi di dollari. Nel mare rosso delle criptovalute, le uniche voci fuori dal coro sono le stablecoin (Tether in testa) e Bitcoin SV, la sorella di Bitcoin Cash nata dopo il fork del 15 novembre e oggi in quarta posizione.

Bitcoin SV oltre il 20 per cento

Cresce la fiducia su Bitcoin SV. Dopo l’entusiasmo iniziale e il successivo raffreddamento, nelle ultime ore la sorella Bitcoin Cash è cresciuta di oltre 20 punti percentuali, aumentando la propria capitalizzazione azionaria fino a 1,9 miliardi di dollari, quanto basta per posizionarsi al quinto posto alle spalle di Ethereum.

Lo sprint delle stablecoin

Tether ha raggiunto la sesta posizione nella classifica di Coinmarketcap, il punto più alto da quando è nata. La stablecoin non ha fatto altro che mantenere la propria capitalizzazione azionaria sui livelli delle ultime settimane (1,8 miliardi), superando di slancio le altre che nel frattempo sono colate a picco: da Bitcoin Cash, EOS e Litecoin le vittime al momento, con Stellar che resiste in quarta posizione con 2,1 miliardi di capitalizzazione azionaria. Nelle prime 50 posizioni ci sono 5 stablecoin da oggi.

Oltre a Tether, infatti, figurano anche TrueUSD (24° posto), USD Coin (26°), Paxos Standard (27°) e Gemini Dollar (50°). TrueUSD è l’unica delle stablecoin minori ad avere una capitalizzazione superiore ai 200 mila dollari. Sempre dunque peggiorare ancorare la situazione delle criptovalute, ormai da settimane si registrano dei tonfi continui che non accennano a salire. Di seguito la classifica del giorno 7 dicembre che non lascia troppo spazio all’immaginazione.

La classifica del 7 dicembre 2018

  1. Bitcoin $3.412,72 (-11,43%)
  2. Ripple $0,301 (-11,43%)
  3. Ethereum $85,74 (-16,40%)
  4. Stellar $0,113 (-17,67%)
  5. Bitcoin SV $109,39 (+20,99%)
  6. Tether $1,01 (+0,58%)
  7. Bitcoin Cash $102,51 (-16,57%)
  8. EOS $1,69 (-22,86%)
  9. Litecoin $25,61 (-14,27%)
  10. TRON $0,012 (-9,75%)

Leggi anche: Come diventare ricchi con le criptovalute: tre consigli per chi vuole investire nel 2018

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bitcoin, Economia Europa, Economia Italia