Cosa è successo tra Grasselli (Lega) e Selvaggia Lucarelli?

Selvaggia Lucarelli ha chiesto le scuse a Giuseppe Grasselli dopo che su Facebook il candidato leghista l'aveva insultata. Ecco cosa è successo.

di Daniele Sforza, pubblicato il
Selvaggia Lucarelli ha chiesto le scuse a Giuseppe Grasselli dopo che su Facebook il candidato leghista l'aveva insultata. Ecco cosa è successo.

La tragedia dei migranti naufragati nel Mar Mediterraneo ha lasciato una scia di polemiche e dibattiti lunga un’intera settimana, molti dei quali strumentali, a scopi politici e, davanti a 700 morti, decisamente inutili. Così come ha fatto scalpore il post di Gianni Morandi su Facebook che ricordava a tutti gli italiani che anche i nostri avi sono stati dei migranti (e a fare scalpore la sua certosina pazienza a rispondere ai commenti/insulti scritti sotto il suo post), anche la lite tra Selvaggia Lucarelli e Giuseppe Grasselli, esponente di Lega Nord, candidato sindaco a Canossa (Reggio Emilia).  

Galeotto fu il post della Lucarelli

Dopo le strumentalizzazioni politiche sul tragico naufragio, Selvaggia Lucarelli ha pubblicato sulla propria pagina Facebook una foto che ritraeva una bimba annegata. La foto parla da sola ed è già un pugno nel cuore, ma il commento della Lucarelli è emblematico: “Lascio a voi decidere se era una cellula Isis, l’ennesima delinquente o colei che veniva a rubarci il lavoro. Magari Salvino lo sa“.   lucarelli-post-fb-migranti   La risposta più eclatante (tra i personaggi più rilevanti, ricoprendo un ruolo politico), quella del leghista Giuseppe Grasselli, che dalla pagina “Sei della Lega Nord se…” scrive direttamente all’opinionista dicendole: “Zitta, puttana“.   Dai microfoni di M2O la Lucarelli ha chiamato in diretta l’esponente leghista, chiedendogli perché avesse scritto quel commento. Grasselli, balbettando spesso, alla fine ha chiesto scusa, concludendo: “Faccio le scuse, non è corretto, sicuramente è stato scritto in un mio momento di rabbia, quindi le chiedo scusa”. Anche da altri esponenti leghisti sono arrivate le scuse alla Lucarelli, come quelle di Fabio Rainieri che ha scritto: “A Selvaggia Lucarelli, a tutte le donne e a chiunque si sia sentito offeso dal post incriminato, va la rassicurazione della segreteria nazionale della Lega Nord Emilia, che quelle espresse da Grasselli non sono le nostre idee e opinioni, ma offese vergognose mosse da Grasselli a titolo puramente personale”.     Strumentalizzazione? Figuraccia da entrambe le parti? Leggendo i commenti sul web sulla tragedia viene da piangere, per la superficialità con la quale vengono scritti. Ma anche nel vedere politici e blogger scatenarsi in dibattiti distruttivi. E si resta sempre più convinti che a mancare in Italia sia una buona educazione generale, oltre alla capacità di approfondire certi argomenti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica