Coronavirus, quando finirà l’epidemia? Tre scenari

Tre possibili scenari per l'andamento del coronavirus.

di , pubblicato il
Coronavirus tre scenari

Il coronavirus, come previsto già in tarda primavera, è tornato a spaventare l’Europa e il resto del mondo con la seconda ondata. In Italia nel corso degli ultimi giorni il numero dei morti è tornato a salire in maniera vertiginosa, così come quello dei contagi, costringendo il governo ad adottare misure più restrittive per cercare di contenere la curva epidemiologica, e una simile situazione viene vissuta anche da altre nazioni europee, su tutte Francia, Belgio, Spagna e Germania: in molti, allora, si domandano quando finirà l’epidemia di Covid-19, anche alla luce delle ultime notizie (positive finalmente) riguardanti il vaccino. A questa domanda una risposta certa non c’è, ma possiamo prendere in esame tre scenari piuttosto verosimili e ragionarci su.

Scenario 1, l’immunità di gregge

Il primo scenario coincide con l’immunità di gregge. Se all’inizio della prima ondata pareva una teoria campata per aria, senza un reale sostegno da parte della scienza, a distanza di diversi mesi le cose sono cambiate. Di recente si è espressa in maniera possibilista anche l’autorevole rivista Nature, sebbene tale scenario sia ancora molto lontano dall’avverarsi.

Scenario 2, il vaccino anti-Covid

Il secondo scenario prevede l’arrivo di un vaccino efficace per contrastare il coronavirus. Se ne parla da tempo, fin dallo scorso marzo, e sembra proprio che l’inizio della prossima primavera possa arrivare la svolta tanto attesa. In ogni caso, anche con il vaccino non potremmo considerarci liberi del tutto dalla pandemia, dal momento che la copertura potrebbe durare soltanto per alcuni mesi rendendo dunque necessario di nuovo vaccinarsi.

Scenario 3, il coronavirus diventa una malattia endemica

C’è poi un terzo scenario, il quale corrisponde alla possibilità che il coronavirus diventi una malattia endemica, vale a dire una malattia gestibile e senza complicanze dal punto di vista sanitario.

In poche parole, un Covid-19 che fa meno paura e allo stesso tempo ha perso aggressività, portando le persone di nuovo a vivere una vita tra virgolette normale. In questo scenario, che secondo gli esperti potrebbe essere quello più veritiero, la fine della pandemia verrebbe decretata dalla società stessa anziché dalla scienza.

Vedi anche: Nuove Regioni in zona arancione: cosa cambia dall’11 novembre e regole

[email protected]

Argomenti: ,