Coronavirus, la mappa delle chiusure in Italia: lockdown, piazze e strade

Coronavirus, la mappa delle chiusure in Italia: lockdown notturno in Campania.

di , pubblicato il
Città che rischiano lockdown

Il numero di contagi in aumento e la crescita del numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva hanno portato il governo a intervenire con un nuovo Dpcm, attraverso cui si dà la facoltà ai sindaci e ai presidenti delle Regioni di decidere quali interventi assumere per fronteggiare la seconda ondata del coronavirus. A seguire la mappa delle chiusure in Italia, con la situazione più grave al momento che si registra in Lombardia e Campania.

Lockdown notturno dalle 23:00 in Lombardia e Campania

La Lombardia ha già varato la misura del lockdown notturno a partire dalle ore 23:00, al fine di evitare l’assembramento fra i giovani durante la tradizionale movida. Lo stesso provvedimento scatterà anche in Campania dalla tarda serata di venerdì: il coprifuoco durerà fino alle 5 del mattino del giorno seguente.

Chiusura dei centri commerciali nel fine settimana in Piemonte

La regione Piemonte ha invece stabilito la chiusura dei centri commerciali nelle giornate di sabato e domenica. Inoltre, per gli studenti che frequentano le classi dalla seconda alla quinta della scuola secondaria ci sarà l’obbligo di seguire almeno il 50% dei giorni di lezione la didattica a distanza.

A Bari scattano le zone rosse

Tornando al Sud, segnaliamo la decisione assunta dal sindaco di Bari Antonio Decaro di istituire tre zone rosse del capoluogo: centro storico, quartiere Poggiofranco e il rione Madonnella, quest’ultimo noto come l’area in cui c’è la maggiore concentrazione di giovani che partecipano alla movida della città pugliese.

Chiusura di tre piazze a Bologna

Anche Bologna si tutela di fronte all’avanzata dei contagi, decidendo per la chiusura di tre piazze: piazza San Francesco, piazza Verdi e una parte di piazza Aldrovandi, tutti e tre luoghi di ritrovo dei più giovani in occasione del fine settimana e per la movida.

Si valuta il coprifuoco a Genova

Domani, giovedì 21 ottobre, il comune di Genova e la Regione Liguria si riuniranno per decidere se optare o meno per il coprifuoco in occasione del prossimo fine settimana, valutando la chiusura delle aree dove si sono registrati al momento più contagi.

Vedi anche: Coronavirus e nuove regole: che cosa si può fare e cosa no

[email protected]

Argomenti: ,