Coronavirus e rincari ombrelloni: quanto costerà andare al mare questa estate?

Le misure obbligatorie anti covid per gli stabilimenti balneari spingono verso un aumento dei prezzi degli ombrelloni durante la stagione estiva.

di , pubblicato il
Le misure obbligatorie anti covid per gli stabilimenti balneari spingono verso un aumento dei prezzi degli ombrelloni durante la stagione estiva.

Quanto costerà andare al mare questa estate con le misure Covid obbligatorie? Se per gli hotel e le strutture ricettive non si prevedono aumenti dei prezzi, almeno al momento, lo stesso ragionamento non si può fare per gli stabilimenti balneari e i famosi ombrelloni e lettini che già durante le estati normali vanno a ruba nonostante i rincari fisiologici.

Aumento prezzi ombrelloni possibile

Tra la fine di maggio e i primi di giugno, la maggior parte dei lidi e stabilimenti italiani riapriranno ma con parecchie difficoltà organizzative dovute alla distanza sociale da tenere tra gli ombrelloni e altri aspetti legati alle sanificazioni. È facile quindi pensare ad un ritocco delle tariffe all’insù che potrebbe ricadere sugli utenti. Quale potrebbe essere insomma l’impatto sui costi? 

Leggi anche: Apertura spiagge, stabilimenti balneari e lidi: come sarà andare al mare

Rincari fino al 20 per cento

Come scrive Il Corriere, in Liguria la questione rincari è divisa a livello regionale. Si pensa di non aumentare i prezzi degli ombrelloni negli stabilimenti situati a Ponente ma la situazione è diversa per quella di Levante. Il presidente regionale del Sindacato Italiano Balneare (Confcommercio), Enrico Schiappapietra ha infatti dichiarato che molti stabilimenti non aumenteranno i prezzi per riconoscenza verso i clienti anche a costo di perderci ma alcuni gestori degli stabilimenti di Levante credono che un piccolo aumento sia necessario per una questione di spazi e conformità delle spiagge. I posti saranno già dimezzati con incassi dimezzati allo stesso modo e non è difficile pensare che un aumento sarà quanto meno probabile.  

Stessa situazione in Toscana, dove gli stabilimenti del Nord, essendo più grandi e con maggiore spazio, possono anche pensare di non rincarare il prezzo dell’ombrellone ma nelle spiagge del Sud, caratterizzate da scogli e calette, si prevedono rincari del 15-20% come scrive Corriere che riporta le parole di uno dei gestori. Aumenti del 5 o 10 per cento previsti anche nelle spiagge dell’Emilia Romagna, dove oltre alla riduzione dei posti saranno vietati concerti ed happy hour, ma anche tornei di beach volley.

Il Corriere riporta le parole di Simone Battistoni, titolare del Bagno Milano di Cesenatico: «L’aumento dei prezzi sarà contenuto. Con un rincaro corposo da noi scatterebbe la paura di lavorare poco. Un ombrellone stagionale nel mio stabilimento passerà dai 300 ai 315 euro».

Anche nelle Marche sono previsti dei leggeri rincari ma nell’ordine del 5 o 10 per cento, soprattutto nella rinomata zona della Riviera del Conero come ha sottolineato uno dei gestori degli stabilimenti marchigiani. Non è difficile immaginare che una situazione simile potrebbe riguardare anche tutte le altre regioni, dove l’avvio della stagione estiva è alle porte con ancora molti nodi da sciogliere, anche sul fronte prezzi.

Leggi anche: Vacanze e spostamenti dal 3 giugno: dai viaggi con amici alle frontiere aperte, cosa cambia

[email protected]

 

Argomenti: ,