Coronavirus e Natale che verrà: regole possibili per shopping e pranzi

Quali potrebbero essere le regole per lo shopping e i pranzi di Natale?

di , pubblicato il
Nuovo Dpcm a dicembre, regole per Natale: niente baci, veglioni e abbracci

Si attende il 3 dicembre per capire se ci sarà qualche allentamento delle misure in vista del Natale. In questa data scadrà il Dpcm dello scorso 6 novembre e saranno fissate le nuove disposizioni anti-covid-19. 

Mentre gli esperti sembrano restii a pensare ad un Natale con aperture e pranzi in famiglia, il peso degli interessi economici ma anche l’importanza della festa per gli italiani potrebbero portare ad alcuni allentamenti se i numeri caleranno. 

Regole per shopping e pranzi di Natale

Ovviamente, lo shopping per gli acquisti di Natale sarà contingentato e non sarà possibile entrare negli esercizi commerciali senza regole. Anche per il giorno di Natale o, in genere, per il cenone e pranzi vari resta plausibile che si potranno organizzare solo tra parenti stretti e con un massimo di 6 persone al tavolo. Come scrive Ansa, si pensa che anche nei ristoranti si potrebbe fissare il numero di 6 al tavolo. 

Alcuni cambiamenti potrebbero avvenire anche per il coprifuoco, che dalle 22 sarebbe spostato alle 23 o alla mezzanotte per la notte del 24 dicembre o per il Capodanno, in modo da permettere alle persone di festeggiare e brindare. 

Anche gli spostamenti tra Regioni continueranno ad essere limitati, anche se saranno permessi gli spostamenti per chi deve tornare al proprio domicilio o residenza. Ovviamente non ci si può aspettare la stessa affluenza dell’anno scorso e un esodo Nord-Sud paragonabile a quello passato. 

Evitare rischio terza ondata

A parlare del rischio terza ondata e della necessità di evitare comportamenti eccessivi è stato Pierluigi Contucci, direttore Istituto Alta Matematica dell’Università di Bologna, che al Corriere della Sera ha detto: 

«La cosa più importante è evitare un rilassamento delle abitudini come abbiamo fatto nell’estate scorsa quando ci è sembrato di essere fuori dall’epidemia e abbiamo cominciato a comportarci come se il virus non fosse mai esistito».

 

Restano, insomma, molti nodi al pettine che forse saranno risolti tra a inizio dicembre.

Vedi anche: Nuovo Dpcm per liberare il Natale e pericolo terza ondata a gennaio

[email protected]

 

Argomenti: ,