Coronavirus e consumi: come sono cambiati con il Safety Shopping

Che cos'è il Safety Shopping e come sono cambiati i consumi dopo la pandemia.

di , pubblicato il
Non solo Amazon e il Black Friday: come sono cambiati i consumi con la pandemia

Con l’arrivo della pandemia e il lockdown, le nostre abitudini di acquisto sono cambiate molto. Prima si usava andare a mangiare fuori, fare shopping in centro e acquisti nei negozi fisici, ora invece è cambiato tutto e c’è stata una vera e propria rivoluzione nei consumi che ha portato anche a delle decisioni sofferte per alcune catene come Zara o H&M che hanno deciso di puntare al digitale. 

La crisi del commercio fisico ma non dei negozi di quartiere

La crisi dei negozi fisici è netta. Le strade dei centri città sono mezze vuote, ma c’è anche un paradosso. Se a sfondare sono stati soprattutto i negozi online, anche quelli di quartiere hanno avuto un grande successo perché le persone per evitare di prendere i mezzi pubblici hanno cambiato le abitudini di acquisto e iniziato a comprare nei negozi di quartiere. Come scrive il Corriere, che riporta le parole di Anna Zinola, esperta di consumi e docente all’Università Cattolica:

«Si parla di safety shopping perché ormai compriamo sempre più spesso nei negozi vicino casa per non prendere i mezzi pubblici, tram, metro, autobus affollati e andiamo in giro molto meno di quanto non ci andassimo prima. Ma quando lo facciamo, compriamo molto di più e vale sia per i supermercati che per l’abbigliamento, un settore che insieme alla cosmesi, è tra quelli più colpiti da questa pandemia».

Safety Shopping

In sostanza, se da un lato si ha paura della crisi economica e di ricadute occupazionali, dall’altro è emersa una nuova abitudine all’acquisto in cui ci si reca di meno nei negozi ma si compra molto. Questo vale sia per i negozi online che per quelli di quartiere.

Molte catene di lusso, ad esempio, hanno messo i dipendenti in smart working facendoli diventare dei veri e propri personal shopper che operano da remoto tramite chat o video chat. C’è la necessità di puntare molto alle vendite online e investire nel digitale da parte delle catene di abbigliamento sia di lusso che low cost.

Vedi anche: Lockdown a Natale e consumi a rischio: ecco quanto potrebbe costare

[email protected]

Argomenti: ,