Coronavirus e boom dell’e-commerce: la crisi dei piccoli negozi schiacciati dallo shopping online

Con il coronavirus i piccoli negozi sono andati in crisi, una spinta anche dal commercio online.

di , pubblicato il
shopping online

Nonostante la crisi scatenata dal coronavirus, per il settore del commercio una piccola partenza sembra esserci stata. In base ai dati Istat di agosto 2020, risulta un aumento del volume delle vendite al dettaglio dell’8,2% rispetto a luglio, in particolare per quanto riguarda i beni non alimentari. Continua però la crisi dei piccoli negozi che stanno subendo l’avanzata del commercio online

La crisi dei piccoli negozi e il successo degli e-commerce

Subito dopo il lockdown c’era molto timore per i negozi al dettaglio, praticamente svuotati e con la gente timorosa di entrare. Qualcosa sembra essersi mosso ma bisogna dire che in questi dati sono compresi anche gli e-commerce che hanno visto un vero e proprio boom. Rispetto a luglio, infatti, i negozi online hanno visto un balzo del 36,8% rispetto ai piccoli negozi che invece arretrano. Nel trimestre giugno-agosto risulta che le vendite al dettaglio di beni non alimentari hanno subito una variazione positiva mentre sono calate le vendite dei beni alimentari. 

Una spinta per il commercio online

Il risultato è stato commentato da Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori: «Bene, ottimo rimbalzo. Finalmente le vendite recuperano rispetto ai valori pre-emergenza Covid». Confesercenti, invece, ha parlato di crisi soprattutto per i piccoli negozi che restano schiacciati dal boom dell’ecommerce. 

Durante il lockdown, complice la chiusura forzata in casa, erano stati moltissimi gli italiani che avevano iniziato ad acquistare sul web. Un’abitudine che è rimasta e ha letteralmente dato una spinta al commercio online sempre più avanti a discapito dei piccoli negozi. Nonostante tutto, di recente, si era anche parlato del successo dei negozi di quartiere che erano tornati ad incuriosire gli italiani dal periodo del lockdown.

Il distanziamento sociale e il superamento dei problemi di consegna hanno dato una spinta maggiore al commercio online che da marzo ha iniziato a volare come mai prima. Ne è testimone Amazon, che ha visto accrescere le sue azioni in pochi mesi. 

Vedi anche: Boom shopping online: alcuni miti da sfatare su negozi fisici ed e-commerce

[email protected]

 

Argomenti: ,