Coronavirus e allarme consumi: perché ora gli italiani spendono meno

Gli italiani non comprano più come un tempo, il covid ha provocato la perdita di 59,2 miliardi di euro svaniti nel nulla.

di , pubblicato il
Gli italiani non comprano più come un tempo, il covid ha provocato la perdita di 59,2 miliardi di euro svaniti nel nulla.

Come sono cambiati i consumi dopo la pandemia di coronavirus? Nonostante una leggera ripresa, sembra che i consumi degli italiani non sono ancora tornati ai livelli pre-covid. Secondo una stima di Confesercenti, da marzo ed agosto gli italiani avrebbero speso 2.300 euro in meno rispetto allo scorso anno. 

Gli italiani non comprano più come prima

Gli italiani non comprano più come un tempo, complice la pandemia, che comunque ha causato un blocco di più di due mesi di consumi, il covid ha provocato 59,2 miliardi di euro svaniti nel nulla. Secondo Confesercenti, infatti: “Anche dopo il riavvio delle attività, infatti, gli italiani hanno continuato a tagliare gli acquisti: rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nei sei mesi che vanno da marzo ad agosto la spesa media in beni non alimentari è scesa di 1.170 euro a famiglia“.

Che cosa si compra di meno

Nel dettaglio, gli italiani hanno rinunciato ad acquistare soprattutto capi di abbigliamento, calzature ma si sono segnalate anche meno spese per spettacolo e cultura. Durante la pandemia, infatti, dovendo stare a casa, gli italiani hanno rinunciato ad acquistare capi di abbigliamento in genere e per forza di cosa a spendere per attività ricreative e culturali. Solo per l’abbigliamento si sono spesi 278 euro in meno in 6 mesi, 195 euro in meno per la cultura e 166 euro in meno per l’arredamento.  “L’incertezza aumenta la propensione al risparmio di alcune; per altre, la crisi si è trasformata in una flessione consistente dei redditi da lavoro con riduzioni del -11,3% per i dipendenti del settore privato e del -13,4% per gli autonomi” ha sottolineato Confesercenti, dati negativi che pesano sui negozi fisici, visto che, molte famiglie hanno fatto acquisti online.

In genere sono diminuiti anche gli acquisti legati a bar e ristoranti. 

Il futuro, ad oggi, appare incerto. Bisognerà infatti capire come andrà la pandemia e come impatterà sull’economia familiare. Accanto ad un’alta percentuale di persone che hanno deciso di risparmiare per forza di cose, ci sono anche coloro che essendo riusciti a mettere da parte qualcosa, hanno subito speso il denaro per oggetti costosi. L’eccezione che conferma la regola.

Leggi anche:Il covid ha cambiato i consumi: perché ora si acquistano oggetti costosi?

[email protected]

Argomenti: ,