Coronavirus: aperture a Pasqua difficili, si punta all’estate

Mentre si pensa ad allungare lo stato di emergenza al 30 settembre, ora si punta ad aprire in estate.

di , pubblicato il
Aperture a Pasqua

Le nuove restrizioni che entreranno in vigore entro il 13 marzo non lasciano ben sperare per le riaperture di Pasqua. Per la fine di marzo il Governo aveva anche ipotizzato la ripresa di cinema e teatri con ingressi contingentati e l’acquisto dei biglietti online ma la situazione attuale aggiunge qualche dubbio in merito.

Pasqua blindata

Quello che appare certo è che anche le vacanze di Pasqua saranno blindate, sarà molto difficile se non impossibile pensare di spostarsi fuori regione se non per motivi di necessità, o organizzare vacanze e weekend. A fare il punto della situazione è stato anche il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, che ha parlato di una ripresa dall’estate, facendo intendere che un assaggio di normalità arriverà solo i prossimi mesi:

“In estate il virus è meno aggressivo. È chiaro che avremo un turismo di prossimità, Italia su Italia. C’è una forte accelerazione sui vaccini in questo momento e, se le cose andranno nel verso giusto, speriamo dopo l’estate di metterci alla spalle questo maledetto virus”.

Queste le parole del ministro salendo sulla nave MSC Grandiosa ripartita con nuovi protocolli. Il ministro ha sottolineato che anche il passaporto vaccinale è seguito con interesse anche per evitare che qualcuno abbia vantaggi competitivi.

Stato di emergenza fino al 30 settembre

Di fatto, le restrizioni saranno presenti anche a Pasqua, ecco perché al momento non è possibile pensare a cambiamenti in positivo. Entro il weekend il Governo deciderà se attuare i lockdown durante il fine settimana in tutta Italia, proprio come a Natale, oppure far scattare la zona rossa laddove esistono 250 contagi su 100 mila abitanti. Misure che sicuramente saranno valide fino ad aprile.
Nelle ultime ore si parla anche di una possibile proroga dell’emergenza al 30 settembre.

L’ultima proroga del Governo Conte scadrà il 30 aprile ma la situazione attuale non permette di allentare le regole, per cui si fa strada l’ipotesi di prolungare al 30 settembre l’emergenza covid. In tal senso il Governo potrà continuare ad avere poteri straordinari, così come la Protezione Civile, il quale potrà effettuare degli interventi speciali.

Vedi anche: Regioni che rischiano il lockdown, ecco quali sono e perché

[email protected]

Argomenti: ,