Confindustria: eliminare l’aumento dell’Iva per spingere il Pil nel 2013

Eliminare l'aumento dell'Iva nel secondo semestre del 2013 farebbe aumentare il prodotto interno loro dell'Italia dello 0,24% portato da un incremento dei consumi delle famiglie dello 0,67% e gli investimenti dello 0,51%

di , pubblicato il
Eliminare l'aumento dell'Iva nel secondo semestre del 2013 farebbe aumentare il prodotto interno loro dell'Italia dello 0,24% portato da un incremento dei consumi delle famiglie dello 0,67% e gli investimenti dello 0,51%

Eliminare l’aumento dell’Iva nel secondo semestre del 2013 farebbe aumentare il prodotto interno loro dell’Italia dello 0,24% portato da un incremento dei consumi delle famiglie dello 0,67% e gli investimenti dello 0,51%. Queste sono le considerazioni del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, intervenendo all’assemblea dell’Ance, l’associazione dei costruttori edili. “Il mancato aumento dell’Iva nel prossimo anno porterebbe a un aumento del Pil dello 0,24%, un aumento dei consumi delle famiglie dello 0,67% e più investimenti per lo 0,51%”, afferma Squinzi. Con il decreto sulla spending review il governo, ricordiamo, ha sospeso fino al 30 giugno 2013 l’aumento di due punti percentuali delle aliquote Iva del 10 e del 21% previsto dalla manovra correttiva di dicembre per il prossimo ottobre. Sterilizzare completamente l’Iva nel 2013 richiede 6,6 miliardi di euro secondo quanto prevede il governo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia