Come comprare un volo davvero low cost: le regole da non sottovalutare

Alcune regole per comprare voli davvero low cost e fare affari viaggiando.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Alcune regole per comprare voli davvero low cost e fare affari viaggiando.

Viaggiare ha un costo, sempre. Se lo si fa in maniera intelligente, però, si riesce a mettere da parte un bel gruzzolo. La moda dei voli low cost, nata diversi anni fa, è sempre al centro della teoria del risparmio del buon viaggiatore. In realtà, nel corso degli ultimi tempi, il low cost si è trasformato da occasione ad arte. Un concetto forse difficile da spiegare ai non addetti ai lavori, comprensibile invece agli occhi di tutti quelli che viaggiano non soltanto per passione ma anche per professione.

Le regole per i veri voli low cost

Durante la crisi economica, milioni di italiani si sono affidate ad agenzie di viaggio economiche oppure a tour operator della loro città, di cui avevano apprezzato in precedenza competenza e politica dei prezzi. Molti altri, invece, hanno cercato di reinventarsi travel blogger, aiutando migliaia di persone a risolvere i loro dubbi prima della partenza. L’espressione voli low cost, nel corso del tempo, è divenuta sempre più inflazionata, tanto che ormai non si fa fatica a distinguere tra un vero volo a basso costo da una semplice offerta proposta da una qualsiasi compagnia aerea.

Secondo quanto appreso dai portali di viaggio come Kayak, Skyscanner e eDreams, esistono in via definitiva tre regole per organizzare un vero viaggio low cost, oggetto di un interessante approfondimento dell’edizione italiana di Business Insider.

Mal di prezzi: ecco le 12 località turistiche da “evitare” nel 2018 (e perché)

  1. Prenotare fino a 6 mesi prima: sono tante le persone ogni anno che si premiano con una vacanza all’estero, destinazione Asia o Stati Uniti. Secondo gli studi di Kayak e Skyscanner, i migliori prezzi per un viaggio di questa portata si trovano in genere tra le 20 e 25 settimane prima della data in cui si vuole partire. Il risparmio può arrivare fino al 67 per cento.
  2. Partire nei mesi giusti: ogni viaggio ha un suo mese. Skyscanner consiglia febbraio come mese di partenza per una breve vacanza in Italia, novembre se si vuole andare in Europa o Nord Africa, maggio per un viaggio in Asia o America.
  3. Prenotare nei giorni giusti: in genere, il mercoledì è il giorno migliore per prenotare una vacanza, anche se – secondo eDreams – stanno prendendo sempre più piede anche le giornate di lunedì e martedì.

Leggi anche: Viaggiare 2.0: come avere voli low cost grazie ai biglietti invenduti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet

I commenti sono chiusi.