Come si elegge il Presidente della Camera

Ecco la procedura che permetterà l'elezione del presidente della Camera dei Deputati

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Ecco la procedura che permetterà l'elezione del presidente della Camera dei Deputati

Oggi 15 marzo si riunirà per la prima volta il neo eletto Governo che nella sua prima seduta avrà il compito di eleggere il Presidente della Camera e il Presidente del Senato. A presiedere i lavori per la Camera dei Deputati sarà Antonio Leone, il più anziano vicepresidente rieletto. La nomina dei due presidenti delle Camere è un compito non facile, soprattutto in un caso come questo dove la maggioranza non è assoluta. Ma la legge italiana cosa dice in proposito dell’elezione del Presidente della Camera dei Deputati? Vediamo come si elegge il presidente della Camera secondo la legislazione del nostro Paese. Tutti i Parlamentari eletti per la Camera dei Deputati hanno diritto al voto che è a scrutinio segreto attraverso apposite schede. Per eleggere il presidente serve la maggioranza dei due terzi dei componenti effettivi della Camera dei Deputati, mentre per la seconda e terza votazione basta raggiungere due terzi dei votanti presenti. Se dopo la terza votazione ancora non sarà raggiunto un accordo per la scelta del presidente, dalla quarta votazione in poi sarà sufficiente ottenere la maggioranza assoluta. La votazione per il Presidente della Camera dei Deputati è prevista per le 10,30 di questa mattina. Il Movimento 5 Stelle presenta il suo candidato come presidente della Camera, Roberto Fico; i grillini hanno fatto sapere che voteranno soltanto i loro candidati. Non è stato trovato nessun accordo tra le fore politiche, ma Pier Luigi Bersani, leader del Pd, ha proposto agli eletti del proprio partito di votare scheda bianca per dimostrare la voglia di non volere eleggere nessuno da soli.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Politica