Codice amministrazione digitale: cosa cambia in concreto per i cittadini

Il nuovo Codice dell'amministrazione digitale introdurrà a partire dalla prossima primavera il domicilio digitale: che cos'è e cosa cambia.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Il nuovo Codice dell'amministrazione digitale introdurrà a partire dalla prossima primavera il domicilio digitale: che cos'è e cosa cambia.

La Gazzetta Ufficiale pubblicherà a breve la legge sul nuovo Codice dell’amministrazione digitale. Il provvedimento si prefigge l’obiettivo più semplice il rapporto tra il cittadino e la pubblica amministrazione. Semplice, nella fattispecie, ha insito il significato di “smart”, “digitale”. Sì, c’entrano gli smartphone e i tablet di ultima generazioni, attraverso i quali sempre più spesso siamo soliti interagire per risolvere eventuali problemi oppure avere una risposta ai nostri quesiti. Con questo nuovo codice, le PA saranno chiamate ad agevolare il dialogo con ogni singolo cittadino, trasformandosi metaforicamente parlando nella più intuitiva applicazione presente nello smartphone di ciascuno di noi.

Le novità più importanti del nuovo codice

Domicilio digitale – Il nuovo Codice dell’amministrazione digitale introdurrà a partire dalla prossima primavera il domicilio digitale. Con domicilio digitale si intende la possibilità da parte del cittadino di ricevere al proprio indirizzo di posta elettronica certificata – comunemente chiamata Pec – tutte le comunicazioni aventi valore legale. Per fare un esempio concreto, fino ad oggi un’eventuale multa veniva recapitata nella propria cassetta delle lettere. Nel 2018, con l’avvento del domicilio digitale, la notifica della multa arriverà direttamente su ogni smartphone o tablet dove è registrata la propria email.

Cittadinanza digitale – Non è detto che entri in vigore nel 2018. Probabilmente se ne riparlerà a partire da inizio 2019. In ogni caso, la cittadinanza digitale rappresenterà un vero e proprio salto nel futuro per il cittadino, il quale non dovrà preoccuparsi più di nulla circa le scadenze di tasse e tributi per esempio, oltre a qualsiasi tematica legata al rapporto con la pubblica amministrazione. Come siamo abituati a ricevere le notifiche da parte di una o più applicazioni sul nostro cellulare o smartphone per un qualsiasi avviso, allo stesso modo riceveremo tutti gli avvisi che ci riguardano in uno spazio interattivo completamente personalizzato.

Leggi anche: La Pubblica Amministrazione italiana funziona male e ci costa oltre 100 miliardi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet