Coca Cola sfida Starbucks e acquista Costa: la rivoluzione del caffè parte da qui

Coca Cola sfida Nestlè e Starbucks e acquistato le caffetterie Costa per entrare nel segmento delle bevande calde.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Coca Cola sfida Nestlè e Starbucks e acquistato le caffetterie Costa per entrare nel segmento delle bevande calde.

Dopo l’alleanza tra Starbucks e Nestlè, arriva un altro affare d’oro nel settore del caffè. Coca Cola avrebbe infatti trovato un accordo con Whitbread Plc per l’acquisto della catena Costa per  3,9 miliardi di sterline. Un affare che sembra connesso a quello della nota caffetteria americana e porta Coca Cola dritto verso il mercato delle bevande calde.

Coca Cola apre le porte alle bevande calde

A confermare le motivazioni del colosso americano ci sono le parole del presidente e ceo James Quincey: “Le bevande calde sono uno dei pochi segmenti del beverage nel quale non abbiamo un brand globale. Costa ci dà accesso a questo mercato, con una piattaforma del caffè veramente forte”. La catena Costa, che ora ha un valore di mercato pari a 5 miliardi, nel ‘95 fu acquistata per 19 milioni di sterline e aveva solo 19 punti vendita, oggi invece ha chiuso i bilanci con 1,292 miliardi di sterline ed è presente in 32 paesi con 3.800 store e 8mila macchinette. Con l’acquisto da parte di Coca Cola, Whitbread potrà ridurre l’indebitamento finanziario e occuparsi maggiormente del settore alberghiero.

La storia di Costa

Quello che è certo è che Costa è la seconda catena di caffè più grande del mondo e Coca Cola si è sempre distinta nel voler diversificare i suoi prodotti. Non a caso Costa è la concorrente numero uno di Starbucks e l’azienda di Atlanta, invece,  è stata sempre un passo avanti  nell’innovazione puntando al trend delle bevande salutiste e senza zucchero. Alcuni mesi fa, ad esempio, lanciò una bevanda vegetale a base di mandorle, riso e cocco e non è un caso che il colosso vanti 500 brand e migliaia di prodotti. 

La catena Costa, che nel Regno Unito ha superato Starbucks nelle vendite, fu fondata nel 1971 da due immigrati italiani. Già negli anni ‘90 contava 39 negozi mentre ad oggi gli store sono più di 3mila e il suo successo ha addirittura invaso la Cina. 

Leggi anche: Coca Cola trasparente debutta in Giappone, il nuovo business rivoluzionario

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia USA

I commenti sono chiusi.