Class Action contro Trenord: pendolari chiedono risarcimento

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il

Comunicato Stampa 12 dicembre 2012 Federconsumatori e Adusbef

 

FERROVIE: TRENORD. SOTTO LA NEVE IL CAOS PER MIGLIAIA DI CITTADINI. FEDERCONSUMATORI E ADUSBEF CHIEDONO IL RISARCIMENTO PER I PENDOLARI E SI PREPARA ALLA CLASS ACTION.

  Un inizio settimana infuocato per migliaia di cittadini lombardi costretti a subire gravissimi disagi e disservizi da parte di Trenord. Da alcuni giorni infatti i tabelloni annunciano, impietosi, ore di ritardo e corse saltate sotto gli occhi increduli, smarriti ed infuriati dei pendolari. La motivazione ufficiale che fornisce Trenord è un malfunzionamento del sistema informatico di assegnazione dei turni del personale. Da due giorni, infatti, i treni lombardi sono in tilt a causa dell’adozione di un nuovo software “introdotto per governare in automatico i movimenti dei locomotori e la gestione del personale”. Il risultato è la paralisi dei trasporti ferroviari: ritardi e cancellazioni che stanno causando disagi a non finire per gli oltre 2 milioni di pendolari che quotidianamente viaggiano sulla tratta interessata. Per non parlare della grave carenza di informazioni, che sembra esser diventata un’abitudine consolidata da parte delle ferrovie. Adusbef e Federconsumatori, invitando la società a ripristinare il prima possibile il servizio, chiede a Trenord l’immediato risarcimento dei danni patiti dai cittadini. Inoltre, abbiamo dato mandato ai nostri legali di studiare l’avvio di una class action contro la condotta irresponsabile di Trenord che, non lo dimentichiamo, nasce “dall’alleanza paritetica tra Trenitalia e Gruppo FNM”.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cittadinanza attiva