Cina: in aumento i prezzi di produzione al ritmo più veloce degli ultimi 13 anni

I prezzi alla produzione dell’industria cinese sono aumentati perché trainati dall’incremento dei prezzi delle materie prime.

di , pubblicato il
I prezzi alla produzione dell’industria cinese sono aumentati perché trainati dall’incremento dei prezzi delle materie prime.

I prezzi alla produzione dell’industria cinese sono aumentati perché trainati dall’incremento dei prezzi delle materie prime.

Gli investitori sono sempre più preoccupati dell’inflazione. L’indice dei prezzi alla produzione cinese (PPI) è aumentato del 9,0%, ha dichiarato il National Bureau of Statistics (NBS) in una nota.

“L’aumento dei costi, in particolare in Cina, si aggiungerà alle pressioni inflazionistiche globali”,

sottolinea Dariusz Kowalczyk, economista di Crédit Agricole.

Cina, in aumento i prezzi alla produzione (PPI)

L’aumento del PPI è stato guidato da significativi incrementi dei prezzi delle materie prime, in particolare del prezzo del petrolio, del ferro e dei metalli non ferrosi, ha sottolineato il National Bureau of Statistics (NBS).

I prezzi alla produzione cinese (PPI) sono tornati a crescere a partire dal mese di gennaio.

Basti pensare che a maggio, i prezzi del greggio, del ferro e dei metalli non ferrosi sono aumentati ulteriormente, facendo salire i prezzi dei prodotti industriali in Cina.

Il PPI per il settore dell’estrazione nazionale di petrolio e gas naturale del paese è cresciuto dell’1,7%, in aumento di 1,3 punti percentuali rispetto alla crescita di aprile.

A maggio, i prezzi del greggio, del ferro e dei metalli non ferrosi sono aumentati ulteriormente, facendo salire i prezzi dei prodotti industriali in Cina, ha dichiarato Dong Lijuan, uno statistico senior della NBS.

Cina: si teme la speculazione sui mercati delle materie prime

C’è eccessiva speculazione sui mercati delle materie prime: il prezzo del ferro ha raggiunto il livello più elevato.

“La preoccupazione è che il PPI potrebbe rimanere ad un livello elevato per il medio-lungo periodo”,

ha affermato Nie Wen, capo economista di Hwabao Trust.

I prezzi al consumo sono aumentati di anno in anno in otto mesi, ma sono stati inferiori alle aspettative e sono rimasti al di sotto del 3%.

“L’inflazione dei prezzi alla produzione è probabilmente vicina a un picco … non prevediamo che salirà molto al di sopra del 2% nei prossimi trimestri. Pertanto, è improbabile che (i dati) inneschino alcun cambiamento nella politica monetaria”,

ha sottolineato Julian Evans-Pritchard, economista senior cinese presso Capital Economics.

Argomenti: , ,