Casaleggio al “Bilderberg italiano” su Porcellum, democrazia diretta e web: ecco cosa ha detto

Il Forum Ambrosetti a Cernobbio, da alcuni considerato il "Bilderberg italiano", si è acceso durante il discorso di Gianroberto Casaleggio: il guru teorico del M5S ha parlato di Porcellum, democrazia diretta e web, annoiando alcuni e interessando altri. Ecco cosa ha detto.

di , pubblicato il
Il Forum Ambrosetti a Cernobbio, da alcuni considerato il

C’è chi lo ha chiamato “Bilderberg italiano“, ed è per questo che il Forum Ambrosetti si è acceso quando Gianroberto Casaleggio, guru teorico del Movimento 5 Stelle, ha intrattenuto gli astanti parlando di Porcellum, democrazia diretta e web. Casaleggio ha dribblato in un primo momento giornalisti e fotografi chiudendo loro letteralmente le porte in faccia e chiedendo alle forze dell’ordine di proteggerlo, come rivela un video del Fatto Quotidiano. Uno schiaffo in faccia a tutti quei sostenitori M5S che osannano l’apertura delle istituzioni ai cittadini? Gossip e contraddizioni a parte, l’intervento di Casaleggio a Cernobbio è stato dichiarato da più parti come utile e interessante, perfino da personalità del calibro di Mario Monti. Perché è proprio davanti all’élite dell’economia e della finanza che Casaleggio ha esposto le sue riflessioni e lo ha fatto insistendo sul solito ritornello, che è il dogma del M5S: “Il web è il futuro“.   LEGGI ANCHE ROUBINI A CERNOBBIO: Roubini pessimista sull’Europa: quali sono i fattori di rischio per il Vecchio Continente  

Michel Slaby contraddice Casaleggio sul potere della tv

Prima di entrare nella Sala Impero, Casaleggio aveva risposto ai giornalisti in modo molto stringato: “Sono qui per spiegare le idee del Movimento e per parlare sull’evoluzione della politica e della comunicazione”.

L’intervento, da alcuni considerato una fiammata in un convegno che si è propagato sul filo della noia, è stato decisamente più interessante sotto il secondo aspetto: una lezione ai politici sul futuro della comunicazione politica, coadiuvato e rafforzato peraltro da Michel Slaby, guru delle strategie di comunicazione e dei social media chiamato da Obama nello staff per la campagna presidenziale 2012. E proprio su questo confronto si è manifestato il punto più alto della giornata, visto che da una parte Casaleggio premiava l’avanguardia americana nell’utilizzo della rete e nel declino televisivo, dall’altra Slaby lo contraddiceva, affermando che il potere della tv non è affatto in declino.  

Ecco cosa ha detto Casaleggio a Cernobbio

Il filo conduttore del discorso di Casaleggio è stato dunque dominato dalle nuove strategie di comunicazione: internet e social network hanno infatti aperto la strada alla democrazia diretta nella politica mondiale, attraverso avvenimenti storici di rilevante importanza, come la scesa in campo del popolo di Seattle che ha generato alla fine degli anni Novanta il fallimento del WTO (Organizzazione Mondiale del Commercio), o come la campagna elettorale del democratico Howard Dean nel 2003, che considera il web come il mezzo di comunicazione più importante anche in ottica politico-elettorale), o ancora il sistema del crowdfunding introdotto da Barack Obama nel 2008, e gli esempi di certo non finiscono qui. L’obiettivo (riuscito) di queste strategie, per Casaleggio, è quello di avere allontanato la politica dalle lobby. Casaleggio va oltre il pensiero di Dean: per il guru del M5S, internet non è un semplice mezzo di comunicazione, ma un vero e proprio processo di trasformazione, che sta influenzando l’andamento dei media tradizionali (giornali e televisioni) e che si sta tramutando in un punto di non ritorno. Casaleggio ama profetizzare sul futuro e ben lo sappiamo, ma sulle sue riflessioni c’è da fare qualche piccola considerazione, che si può tradurre in una domanda: secondo voi, davvero negli Stati Uniti la politica si è allontanata (anche parzialmente) dalle lobby? Guardando anche l’andamento delle ultime elezioni politiche negli States e, senza andare troppo indietro, la situazione attuale relativa alla politica estera, possiamo con certezza affermare che qualcosa sta davvero cambiando a livello politico nel mondo? Citando Jean-Jacques Rousseau e Thomas Jefferson come progenitori della democrazia diretta, Casaleggio ha anche parlato di politica italiana, definendo il Porcellum come un “sistema di nomina dei parlamentari” che mina le basi della democrazia, presentandosi semplicemente come un vero problema da risolvere al più presto.

 

Discorso di Casaleggio: le reazioni

Noia, entusiasmo e indifferenza: queste le principali reazioni degli astanti al discorso di Casaleggio. Un fulmine a ciel sereno che non ha mancato di suscitare polemiche (un anti-Sistema che entra nel Sistema?) a volte sterili, ma che di certo ha generato dibattito e discussione, accendendo l’attenzione mediatica, dopo le previsioni (e il catastrofismo) di Nouriel Roubini. Mario Monti ha definito “interessante” il discorso di Casaleggio, mentre l’ad di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani, lo ha considerato “educativo”: “Molti politici non sono così esperti e non comprendono bene le potenzialità di internet. Lui invece sì, e il suo discorso è stata una specie di consulenza”. Freddo Renato Brunetta, che lo ha valutato semplicemente come “uno dei tanti interventi” andati in scena a Cernobbio.   TI POTREBBE INTERESSARE LA PROFEZIA DI CASALEGGIO: L’Italia secondo Casaleggio: shock economico, disordini e rivolte   E voi che ne pensate?

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: