Camerieri robot anche in Italia, ecco perché i ristoranti ‘li assumono’

In Giappone e Cina stanno spopolando i ristoranti di sushi che usano i robot come camerieri ma anche nel nostro paese iniziano a diventare realtà.

di , pubblicato il
In Giappone e Cina stanno spopolando i ristoranti di sushi che usano i robot come camerieri ma anche nel nostro paese iniziano a diventare realtà.

Ormai che i robot avranno un ruolo importantissimo nel mondo del lavoro è chiaro a tutti. Si parla spesso di come i robot potrebbero rubare il lavoro agli umani, sono molte le tesi sul tema. C’è chi pensa a conseguenze negative per il mondo del lavoro chi, invece, vede il lato positivo. In ogni caso, i robot ormai sono parte integrante di molte realtà; in Asia, soprattutto, sono sempre di più i ristoranti che usano i camerieri come robot ma anche in Italia iniziano a vedersi queste strane presenze in alcuni ristoranti. 

I camerieri robot ora servono al ristorante anche in Italia

In Giappone e Cina stanno spopolando i ristoranti di sushi che usano i robot come camerieri. Invece che assumere una persona in carne ed ossa, viene reclutato un simpatico robottino che, in alcuni casi, finisce anche per inquietare i committenti. Come scrive financialounge, infatti, i clienti avrebbero chiarito che un robot va anche bene, ma se nella sala ci fossero solo loro la cosa diventerebbe inquietante. In questo momento, i robot camerieri che servono sushi hanno il compito di rimanere nella sala ed accogliere i clienti. Dopo una breve presentazione il robot esordisce con un: “Ritira il tuo ordine e poi tocca la mia mano”.

Un robot costa 20mila euro

Questi robot costano 20mila euro e parlano 4 lingue, solitamente cinese, italiano, inglese e tedesco. Anche in Italia alcune catene di sushi hanno pensato ad assumerli come lavoratori; per ora hanno compiti limitati ma nel prossimo futuro potrebbero ampliare sempre di più le loro competenze. I proprietari dei ristoranti che hanno acquistato alcuni di questi robot, non pensano affatto di automatizzare tutto il personale ma solo di rinnovare l’ambiente e creare un’atmosfera diversa per i clienti, che incuriositi dalla presenza del simpatico robot finiscono per andare a mangiare in questi ristoranti.

E se da un lato la paura per una ricaduta negativa per il mondo del lavoro c’è, dall’altro i ristoranti pensano che avere un robot come cameriere può essere una strategia di rinnovamento, purché la sala non diventi abitata solo da intelligenze artificiali.

Leggi anche: I robot in Italia non rubano il lavoro alle persone, ma c’è un altro problema

[email protected]

Argomenti: ,