Cambio euro-dollaro ripiega verso 1,06, vi spieghiamo cosa accade

Cambio euro-dollaro in deciso calo dopo i dati sull'inflazione in Germania a gennaio. Ecco cosa muove i mercati.

di , pubblicato il
Cambio euro-dollaro in deciso calo dopo i dati sull'inflazione in Germania a gennaio. Ecco cosa muove i mercati.

Il cambio euro-dollaro cede lo 0,82% nel primo pomeriggio di oggi a 1,0626, mentre il biglietto verde guadagna appena mediamente lo 0,04% contro le sedici principali valute del pianeta. La sterlina, al confronto, sta perdendo negli stessi minuti poco più della metà. Cosa accade? L’Ufficio statistico federale di Berlino ha pubblicato il dato sull’inflazione in Germania, che a gennaio è salita all’1,9% su base annua, in accelerazione dal +1,7% del mese scorso, ai massimi degli ultimi tre anni e mezzo.

In alcune regioni tedesche, la crescita tendenziale dei prezzi ha superato il 2%, come in Sassonia, dov’è stata del 2,3%, o nell’Assia (2,4%) e nel Nord-Reno-Vestfalia (2,1%).

Un’inflazione praticamente portatasi già al target della BCE nella prima economia dell’Eurozona implica una politica monetaria a breve più restrittiva nell’area, la quale a sua volta dovrebbe sostenere il cambio euro-dollaro. Tuttavia, nei giorni scorsi si era speculato su un rialzo dei prezzi in Germania anche superiore a quello ufficialmente pubblicato oggi, tanto che il governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, aveva parlato di un 2%. In buona sostanza, il mercato aveva già scontato persino qualche decimale di inflazione tedesca in più, cosa che ha provocato i ribassi di questo pomeriggio.

Allo stesso tempo, negli USA risultano cresciute oltre le attese le spese dei consumatori a dicembre (+0,5% contro il +0,4% del consensus), anche se i redditi sono aumentati poco meno delle attese (+0,3% contro +0,4%). La Federal Reserve si riunisce domani e mercoledì per la prima volta quest’anno, al fine di discutere e comunicare le decisioni in tema di politica monetaria. Stando a questi dati, un rialzo dei tassi USA potrebbe anche arrivare non tardi nel corso della prima metà del 2016. (Leggi anche: Cambio euro-dollaro a breve probabile, ma non nel medio termine)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , , , , , , ,
>