Cambio euro-dollaro e tassi Fed e BCE, le previsioni di Deutsche Bank

Deutsche Bank ha pubblicato le sue previsioni sui tassi Fed e BCE e sul cambio euro-dollaro, basandosi sulle attuali attese del mercato.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Deutsche Bank ha pubblicato le sue previsioni sui tassi Fed e BCE e sul cambio euro-dollaro, basandosi sulle attuali attese del mercato.

Mai come adesso e nei prossimi anni ci sarà stata una divergenza così ampia come quella delle politiche monetarie condotte dalla Federal Reserve e dalla BCE. La prima si accinge ad alzare i tassi per la prima volta dopo 9 anni, la seconda li manterrà ai livelli attuali (0,05%) ancora a lungo. Fin qui nulla di nuovo, ma Deutsche Bank ha fatto qualche calcolo, basandosi sui forward overnight index swaps, ossia sul pricing del mercato, trovando che la Fed non alzerebbe i tassi prima dell’ultimo trimestre di quest’anno, mentre la BCE non lo farebbe, addirittura, prima di dicembre del 2019. La conseguenza di questa divaricazione per l’istituto sarà un indebolimento del cambio euro-dollaro sulla parità entro la fine dell’anno e a 0,90  nel 2016. Un contributo determinante per l’apprezzamento del dollaro è dato dal “quantitative easing”, che sposterà gli acquisti verso gli assets azionari e il settore immobiliare.   APPROFONDISCI – Cambio euro-dollaro, le nuove previsioni e perché il mercato starebbe esagerando   Ovviamente, le previsioni sui tassi rispecchiano le attese del mercato, che non è detto siano destinate ad avverarsi. Certamente, allo stato attuale segnalano che gli investitori ritengono che i due istituti rimarranno a lungo accomodanti e forse più di quanto non abbiano in mente i rispettivi governatori. Non è in sé un buon segnale, perché se dovesse esserci un rialzo dei tassi USA già a giugno o se la BCE dovesse iniziare la stretta monetaria tra il 2017 e il 2018, restando così le cose, il mercato sarà contrariato.   APPROFONDISCI – Tassi USA: la Fed teme il super-dollaro, ma la stretta a giugno resta probabile  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi Euro