Cambio euro-dollaro: 12 scenari possibili da lunedì prossimo, 1 molto drammatico

Cambio euro-dollaro al test sia delle elezioni politiche italiane che del voto in Germania sull'accordo tra sinistra e centro-destra. Tanti gli scenari possibili, di cui uno drammaticamente negativo.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
Cambio euro-dollaro al test sia delle elezioni politiche italiane che del voto in Germania sull'accordo tra sinistra e centro-destra. Tanti gli scenari possibili, di cui uno drammaticamente negativo.

La stampa estera lo chiama già il “Super Sunday”. Domenica prossima, in effetti, non sarà un giorno qualsiasi per l’Europa, perché due appuntamenti politicamente importanti si celebrano nelle stesse ore. Da un lato, l’Italia rinnova il Parlamento in quelle che sono attese come le elezioni più a rischio degli ultimi decenni, non fosse che per l’elevata probabilità di un esito inconcludente. E i socialdemocratici dell’SPD pubblicheranno i risultati della votazione indetta tra i 464.000 iscritti e dirigenti sull’accordo di Grosse Koalition con i conservatori della cancelliera Angela Merkel. In gioco, c’è il futuro dei governi della prima e della terza economia dell’Eurozona, nonché della UE a 27. Naturale che il cambio euro-dollaro ne risentirà sin dai primissimi dati che usciranno nella tarda serata di domenica, quando i mercati asiatici inizieranno a contrattare il cross valutario più importante al mondo. Già prima, però, saranno resi disponibili i risultati tedeschi, per cui potremmo assistere a un andamento erratico, a seconda dell’esito dell’una e dell’altra consultazione. Vediamo tutti i possibili scenari.

Per il cambio euro-dollaro in Germania non cambierà quasi niente

Il mercato si mostra relativamente tranquillo in questo ultimo scorcio di campagna elettorale, intravedendo o un esito nullo o la vittoria piena del centro-destra a trazione berlusconiana. Il rischio di una vittoria del Movimento 5 Stelle, considerato “populista”, “euro-scettico” e senza esperienza adeguata di governo, almeno in termini di seggi, viene stimato basso. Va da sé, che lo stesso mercato tifi per una vittoria degli “ja” in favore delle larghe intese in Germania.

Gli scenari possibili

Dunque, nel caso in cui a Berlino l’SPD annunciasse il placet della base all’accordo con Frau Merkel e in Italia vincesse o il centro-destra o il PD, il cambio euro-dollaro dovrebbe tendere al rialzo già da domenica sera. Certo, se il centro-destra vincesse, ma con la Lega come prima forza politica della coalizione, l’aria cambierebbe. A quel punto, il rischio di un “sell-off” sarebbe elevato. Lo stesso dicasi, a dire il vero, se non vi fosse un vincitore netto alle elezioni e se tutte le formazioni con inclinazioni euro-scettiche messe insieme arrivassero ad ottenere la maggioranza assoluta dei seggi. La moneta unica scivolerebbe, scontando mesi di caos politico in Italia e l’impossibilità di varare larghe intese, anche solo temporanee. Verosimilmente, infatti, si tornerebbe a votare in autunno.

Elezioni, i numeri che spaventano i leaders

Scenario chiaro-scuro anche nel caso di una vittoria di centro-destra (con Forza Italia prima) o PD o di esito nullo con prospettive di larghe intese in Italia, ma in assenza di un avallo dei socialdemocratici all’accordo con la Merkel. Il cambio euro-dollaro ripiegherebbe, perché pur scampando il rischio che a Roma vadano al governo formazioni euro-scettiche, a Berlino esploderebbe il caos, con la seria prospettiva di elezioni anticipate e di una caduta definitiva della leadership della cancelliera. Si consideri, però, che per i sondaggi, pur tra numerosi mal di pancia, i socialdemocratici tedeschi dovrebbero avallare l’accordo.

Il peggiore scenario temuto dal mercato sarebbe, tuttavia, la vittoria dei 5 Stelle a Roma e la prevalenza dei “nein” a Berlino. Sarebbe uno shock, che facilmente piegherebbe il cambio euro-dollaro anche fin sotto 1,20. La terza economia dell’Eurozona cadrebbe in mano agli euro-scettici anti-austerità e i primi della classe – i tedeschi – seguirebbero gli italiani sulla strada dell’instabilità. Il secondo scenario peggiore si avrebbe nel caso in cui, a fronte di un risultato negativo in Germania, in Italia si avesse la vittoria del centro-destra a trazione leghista o un esito nullo e senza la prospettiva credibile delle larghe intese. Riepiloghiamo gli scenari possibili e l’impatto presunto sul cambio euro-dollaro:

Germania       Italia                                                 Cambio euro-dollaro        Probabilità attese

Sì                       centro-destra (FI prima)                           ++                                             medie

Sì                       centro-destra (Lega prima)                       –                                                 medio-basse

Sì                        PD                                                                  ++                                              molto basse

Sì                        Movimento 5 Stelle                                      – –                                              molto basse

Sì                        esito nullo, larghe intese possibili             ++                                             medio-alte

Sì                      esito nullo, niente larghe intese          –                                             alte 

No                      centro-destra (FI prima)                              –                                                  basse

No                      centro-destra (Lega prima)                         – –                                                abbastanza basse

No                      PD                                                                     –                                                   molto basse

No                      Movimento 5 Stelle                                        – – –                                              molto basse

No                      esito nullo, larghe intese possibili              –                                                    basse

No                      esito nullo, niente larghe intese                  – –                                                 medio-basse

[email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cambio euro-dollaro, Germania, Politica italiana