Brexit Day, stasera Londra divorzia dall’Unione Europea e prepara il taglio delle tasse

L'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea sarà stasera. Celebrazioni ufficiali previste a Londra. E il premier Boris Johnson ha annunciato il taglio delle tasse per 31 milioni di lavoratori.

di , pubblicato il
L'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea sarà stasera. Celebrazioni ufficiali previste a Londra. E il premier Boris Johnson ha annunciato il taglio delle tasse per 31 milioni di lavoratori.

“Non è la fine, ma l’alba di una nuova era”. Queste sono le parole del premier britannico Boris Johnson alla vigilia del divorzio ufficiale tra Regno Unito e Unione Europea, che avverrà stasera, quando a Londra saranno le ore 23.00 e da noi mezzanotte. E’ il Brexit Day, un giorno di festa per i sostenitori del “Leave”, buio per i “Remainers”. L’evento sarà celebrato ufficialmente, con la sede del premier a Downing Street ad illuminarsi nel corso dell’ultima ora di permanenza nella UE. Il messaggio che Johnson ha voluto inviare ai sudditi di Sua Maestà, però, non intende essere divisivo. Ben quattro suoi predecessori conservatori dovettero sloggiare dal governo per la loro linea europea, da Margaret Thatcher a Theresa May, passando per John Major e David Cameron. Per l’occasione, la Banca d’Inghilterra ha coniato una nuova moneta da 50 pence su cui è incisa la frase “Pace, prosperità e amicizia con tutte le nazioni”.

Countdown Brexit: cosa cambia da oggi 31 gennaio per gli stranieri?

Il premier si sta concentrando sui problemi reali dei cittadini e non è un caso che abbia voluto anticipare l’annuncio del taglio delle tasse. 31 milioni di lavoratori pagheranno mediamente 104 sterline in meno all’anno (78 sterline in media per i lavoratori autonomi), grazie all’innalzamento dagli attuali 8.628 a 9.500 sterline della soglia minima fissata per pagare i contributi previdenziali alla National Insurance. “Il governo non ha nemmeno 50 giorni di vita e già abbassiamo le tasse. Siamo sempre dalla parte di chi lavora duro”, ha affermato Johnson in pompa magna.

I risparmi saliranno fino a raggiungere un massimo di 465 sterline nel 2025, quando la soglia minima verrà innalzata a 12.500 sterline.

Il piano del governo punta a far coincidere la Brexit con un minimo sollievo per i lavoratori, così che le famiglie abbiano certezza che l’uscita dalla UE si rivelerà un beneficio per tutti. E dalle parti dei Tories promettono anche di aumentare i finanziamenti al National Health Service, il servizio sanitario nazionale, ritenuto dai più carente. E anche le ferrovie, specie nel nord dell’Inghilterra, sono al centro delle attenzioni dell’esecutivo, con investimenti promessi dal premier fino a 88 miliardi con un piano pluriennale.

Cosa succede da stasera?

Da stasera, dunque, la UE si riduce a 27 membri, ma le relazioni con il Regno Unito rimarranno sostanzialmente inalterate fino alla fine dell’anno. Il periodo di transizione servirà alle parti per trovare un accordo per regolare i rapporti commerciali, sulla pesca, sulla libera circolazione delle persone, dei capitali, etc. Difficile, pur non impossibile, che questi dossier vengano tutti chiusi entro il 2020, ragione per cui Bruxelles ha già messo le mani avanti, avvertendo Johnson che gli servirà più tempo per trattare. Nessuna delle due parti intende alzare più i toni, anche se le istituzioni comunitarie puntano a mantenere integra la politica delle quattro libertà (di movimento delle merci, dei servizi, dei capitali e delle persone), escludendo che Londra possa fare il “cherry picker”, prendendosi solo la parte che desidera del mercato unico.

Nel frattempo, il governo britannico continuerà a finanziare la UE e questo non è un discorso da poco, considerato che il Regno Unito sia un contributore netto, versando più di quanto incassi. Nel breve termine, ciò eviterà una immediata redistribuzione dell’onere tra i 27 stati membri. Ad ogni modo, di tutto questo si inizierà a discutere da domani, mentre stasera è la festa di quanti, Johnson in testa, per anni si sono battuti per quella che considerano una battaglia di libertà e di ripristino della sovranità nazionale. Un sogno, reso possibile dalla larga vittoria dei Tories a dicembre, quando hanno conquistato una maggioranza di 80 seggi in Parlamento, la più ampia dal 1987.

Brexit, le bugie che hanno portato Johnson alla vittoria e fatto crollare il “muro rosso”

[email protected]

Argomenti: