Brasile: real a -7,5% con Trump, pesano anche rischi di nuovo impeachment

Nuovo rischio di impeachment per il neo-presidente Michel Temer. E il real sprofonda del 7,5% con la vittoria di Donald Trump.

di , pubblicato il
Nuovo rischio di impeachment per il neo-presidente Michel Temer. E il real sprofonda del 7,5% con la vittoria di Donald Trump.

Il cambio tra real brasiliano e dollaro si è indebolito del 7,5% con la vittoria alle elezioni USA di Donald Trump, in conseguenza del rafforzamento del biglietto verde sui mercati valutari. Tuttavia, oggi è accaduto che la valuta sudamericana sia arrivata a cedere il 2,2%, a un cambio fino a 3,4679, dopo che il ministro per i Rapporti con il Congresso, Geddel Vieira, si è dimesso sulle accuse rivoltegli da un collega di governo, secondo cui avrebbe subito pressioni per l’approvazione di un progetto immobiliare. I mercati sono in fibrillazione, non solo perché sarebbe il quarto ministro dell’amministrazione Temer a lasciare dall’insediamento di maggio, ma anche perché c’è il rischio che venga indagato direttamente il presidente, il quale avrebbe contribuito a fare pressioni sul ministro uscente, perché ne favorisse un altro.

Considerando che è da poche settimane, che Dilma Rousseff è stata ufficialmente destituita con una procedura d’impeachment, il rischio di un’altra messa in stato d’accusa sarebbe devastante per la prima economia sudamericana, ancora in recessione, ma che sulle prime timide riforme di Michel Temer, sta iniziando ad avvertire qualche segnale di ripresa.

Al momento, il cambio è risalito a 3,4213, ma cedendo ancora lo 0,88% contro il dollaro, mentre la Borsa di San Paolo è tornata sulla parità, dopo che era arrivata a perdere l’1,1%. In salita anche i rendimenti dei bond sovrani, oltre il 12% (12,07%) per la scadenza decennale e all’11,90% per quella biennale, segnando rispettivamente +11 e +7 punti base. (Leggi anche: Brasile, boom in borsa e real ai massimi da 2 anni)

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,