Bollette luce non pagate, così la Grecia rischia di restare al buio

In Grecia non si arriva da tempo a pagare le bollette della luce e i conti della compagnia nazionale (pubblica) collassano. In estate, si teme il blackout, mentre il governo deve ancora varare la privatizzazione.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il
In Grecia non si arriva da tempo a pagare le bollette della luce e i conti della compagnia nazionale (pubblica) collassano. In estate, si teme il blackout, mentre il governo deve ancora varare la privatizzazione.

In un’economia, dove un quarto del pil è stato bruciato in meno di un decennio e dove quasi un lavoratore su quattro non trova un impiego, percentuale che esplode al 40% tra i giovani, è naturale che i bilanci familiari non riescano a quadrare. E, infatti, sarebbero oltre 1,2 milioni le famiglie in Grecia ad essere in arretrato con il pagamento delle bollette della luce, circa un terzo del totale. Alla compagnia elettrica controllata al 51% dallo stato, la PPC, devono qualcosa come 2,6 miliardi di euro, una cifra corrispondente all’1,4% del pil e che da l’idea, quindi, di quanto sia gigantesca. (Leggi anche: Grecia, crisi infinita: recessione non molla)

La società ha cercato di andare incontro ai clienti, rateizzando loro i debiti. Allo schema proposto hanno aderito 625.000 famiglie per un debito complessivo di 1,3 miliardi. Resta il fatto che i bilanci della compagnia navigano in cattive acque, dovendo accantonare risorse per coprire le perdite derivanti dai mancati pagamenti delle bollette.

Privatizzazioni al palo

La PPC dovrà essere privatizzata. Lo prevede il terzo bail-out siglato dalla Grecia nell’agosto del 2015 e che stanzia al paese aiuti per 86 miliardi di euro. Lo stato dovrà scendere sotto il 51%, ma già fioccano le proteste dei 18.000 dipendenti, rappresentati dal sindacato GENOP-DEH, che hanno annunciato nei giorni scorsi di voler presentare appello alla Corte europea dei Diritti dell’Uomo, lamentando di vantare un credito nei confronti della società, relativa ai contributi previdenziali accumulati tra il 1966 e il 1999. (Leggi anche: In Grecia servono 10 lavoratori per ogni pensionato)

La PPC detiene una quota del mercato retail del 90% e del 60% di quello all’ingrosso. Se si fermasse, praticamente la Grecia rimane al buio. E a lanciare l’allarme è stato niente di meno che il presidente della Confindustria ellenica, Theodoros Fessas, secondo cui ci sarebbe il rischio che quest’estate, quando si attendono i picchi della domanda, l’offerta non sia in grado di rispondere alle richieste dei clienti e la rete collassi. Per questo, l’uomo chiede al governo un approccio più favorevole al business e l’istituzione di un piano serio per la privatizzazione, oltre che una tassazione più razionale.

Senza progressi, rischio blackout

E il mercato del lavoro in Grecia a marzo segnala il dato migliore del mese dal 2001 con la creazione di 38.517 posti, al netto delle uscite, di cui 11.900 nel settore alberghiero, che si prepara alla stagione estiva. Se è vero che il 53,5% dei nuovi impieghi creati risultano a tempo determinato, è pur sempre meglio di niente. D’altronde, per pagare le bollette serve un’entrata mensile più che la rateizzazione dell’importo. Senza un veloce miglioramento, prima ancora che di default, in Grecia potremmo sentire parlare di “blackout”.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi della Grecia, Economie Europa

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.