Bollette luce e gas: tariffe in calo, cosa cambia da aprile 2018

Secondo l'Autorità le bollette di luce e gas sono meno care a causa del calo delle quotazioni sui mercati all'ingrosso.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Secondo l'Autorità le bollette di luce e gas sono meno care a causa del calo delle quotazioni sui mercati all'ingrosso.

Le bollette di luce e gas diventano meno care dal 1 aprile. Ma che cosa cambia effettivamente? Secondo quanto comunicato dall’Autorità per l’energia, il costo delle bollette dovrebbe scendere dell’8% per la luce e del 5,7% per il gas.

Perché le bollette diventano meno care

Dopo le polemiche sulle bollette dei morosi che avremmo dovuto pagare noi, cittadini onesti, arriva la notizia che le fatture di luce e gas diventano meno care a causa del calo delle quotazioni sui mercati all’ingrosso e i costi di approvvigionamento, in calo anche la componente relativa al servizio di trasporto, scesa dell’-1,3%, e i costi delle attività connesse all’approvvigionamento all’ingrosso dello -0,2%, mentre gli oneri generali di sistema sono aumentati dell’1,1%. Tutto ciò dovrebbe solo in parte compensare gli aumenti degli ultimi 12 mesi. Basti pensare che le bollette hanno visto una variazione al rialzo del  +5,6% ossia un aumento di 28 euro per una famiglia per quanto riguarda l’elettricità, mentre il gas l’aumento è del +1,3% ossia 13 euro in più all’anno.

Dito puntato contro oneri generali di sistema

Se questi sono i dati forniti dall’Autorità, l’associazione dei consumatori non solo continua a puntare il dito contro gli aumenti degli oneri di sistema, che in fin dei conti non hanno sempre legami con l’energia o il gas (questi sono gli oneri per la dismissione delle centrali nucleari, per le agevolazioni alle imprese energivore, per i regimi tariffari speciali a favore delle ferrovie, per gli incentivi alle fonti rinnovabili) che significa 191 euro per la bolletta della luce e 443 euro per quella del gas, solo per gli oneri di sistema.

Anche il Codacons era intervenuto in merito parlando di “tassazione che raggiunge il 35,78% di ogni singola bolletta, con gli oneri di sistema che volano al 22,44%. Va ancora peggio per il gas, per il quale gli italiani pagano il 42,5% di imposte e oneri su ogni singola bolletta. Questo significa – continua Carlo Rienzi – che su base annua ogni singola famiglia paga quasi 191 euro di tasse e oneri sulla bolletta della luce e ben 443 euro di imposte per il gas”.

Leggi anche: Bollette luce e gas: mercato libero dal 2019, cosa cambierà davvero

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Servizi pubblici