Bollette della luce: la “burla” delle tasse nascoste, ecco chi sono i morosi

Non si placano le polemiche sulle bollette non pagate dai morosi e la tassa nascosta relativa agli oneri di sistema.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Non si placano le polemiche sulle bollette non pagate dai morosi e la tassa nascosta relativa agli oneri di sistema.

Ormai è cosa nota. Le bollette della luce non pagate dai morosi ricadranno sui cittadini che puntuali hanno sempre provveduto a saldare la fattura, 37 milioni di consumatori pagheranno cifre aggiuntive, un sistema che ricorda molto quello sulle accise della benzina. Quello che forse è difficile da accettare è che nelle bollette dell’energia vengono spalmate voci, oneri di sistema, che poco o nulla hanno a che fare con l’energia e invece di essere a carico della fiscalità ricadono sul cliente. Un esempio è stato riportato da Il Sole 24 ore secondo cui su una bolletta non residente da 183 euro, solo 42 euro si riferiscono agli oneri di sistema mentre per una bolletta residenti di 662 euro, 166 sono sono riferiti agli oneri.

Cosa paghiamo nella bolletta della luce?

Gli oneri di sistema vengono stabiliti dall’Arera e tra questi una voce importante è riferita agli incentivi alle rinnovabili, componente A3. C’è poi l’onere A2 ossia lo smantellamento delle centrali nucleari dismesse, in parte destinato al bilancio dello Stato, l’A5 è invece riferito alla ricerca svolta nell’interesse del sistema elettrico nazionale, l’Ae per agevolazioni alle imprese manifatturiere con elevati consumi, la voce UC4 si riferisce ai costi di piccole aziende elettriche che operano  sulle isole minori. Altri voci sono legate allo smaltimento delle scorie nucleari, le agevolazioni per la fornitura di energia elettrica al sistema ferroviario, il bonus elettrico per chi è in una situazione di disagio economico etc.

Tutti questi oneri dal 1 gennaio sono stati unificati in oneri generali relativi al sostegno delle energie da fonti rinnovabili e cogenerazione (Asos)  e i rimanenti oneri generali (Arim). In ogni caso nelle bollette che paghiamo solo il 19% del totale è riferito proprio a questi oneri, a cui si aggiunge anche il Canone Rai e conseguenti rincari. La notizia di per sè non è una novità ma lo diventa quando viene stabilito che agli oneri di sistema che già non c’entrano quasi o poco nulla con l’energia si aggiungono le cifre non pagate dai morosi.

Ecco chi sono i morosi

Una verità arriva dall’associazione Codici che avrebbe svelato chi sono questi odiati morosi: “dai dati dell’Autorità per l’energia, più nello specifico dal monitoraggio retail sui morosi, appare lampante come in questo Paese a non pagare sono sostanzialmente: la pubblica amministrazione e le imprese e comunque tutti colori che consumano in media tensione (MT) altri usi, quindi non gli utenti domestici, ovvero non i privati cittadini”. A pagare di meno sono le aziende e le Pa e a rimetterci i cittadini secondo Codici che promette di impugnare davanti al Tar il provvedimento. Il conto ammonta infatti a 200 milioni ma potrebbe essere molto di più. Oltre a Codici, a scandalizzarsi ci sono anche Adusbef e Federconsumatori, che conferma le parole di Codici sui morosi: “stando ai dati dell’Autorità per l’energia, le utenze che risultano morose sono in larga parte relative alle piccole e medie imprese. Proprio per questo appare ancora più assurdo ed improponibile far pagare ai cittadini i costi a cui le imprese non riescono a far fronte”.

Bollette della luce non pagate: saremo noi a sborsare per i morosi

Un meccanismo poco chiaro

Bisogna anche sottolineare come è nato questo meccanismo. I grandi distributori di energia avevano anticipato alcuni degli oneri ma il gran numero di morosi aveva messo in ginocchio parecchie società che avrebbero dovuto raccogliere le cifre per riconsegnarle ai big che avevano anticipato le suddette quote. Una volta fallite le società non hanno più potuto pagare e ora il buco lasciato dovrà essere colmato dai consumatori. Ora l’Autorità sta ancora calcolando a quanto dovrà ammontare l’aumento ma sembra trincerarsi dietro un: “non pensiamo che l’impatto sulle bollette sarà così allarmante”. In ogni caso a pagarle sarà chi, in fondo, non ha colpe.

Leggi anche: Bolletta della luce: in arrivo una tassa occulta e pagheremo anche quando non consumiamo

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia