Bitcoin, nuovo rally: perché la criptovaluta d’oro sta salendo

Prima del rally delle ultime ore di Bitcoin, a crescere in maniera ancora più decisa è stata la criptovaluta Ethereum.

di , pubblicato il
Prima del rally delle ultime ore di Bitcoin, a crescere in maniera ancora più decisa è stata la criptovaluta Ethereum.

Nelle ultime 24 ore il Bitcoin è cresciuto di oltre il 7%, raggiungendo questa mattina il valore di 10.900 dollari per ogni BTC, con una capitalizzazione azionaria pari a 200 miliardi. Rispetto alla quota registrata durante l’intero mese di luglio, attorno a 9.400 dollari, la crescita è stata importante. Era da tempo che Bitcoin non mostrava segnali così positivi, regalando un rally che a molti ha fatto tornare alla mente le straordinarie performance di un paio di anni fa, quando Bitcoin fece parlare di sé mezzo mondo, mostrando il proprio volto anche a chi prima di allora non aveva mai conosciuto la parola criptovaluta. Ma perché Bitcoin sta salendo proprio in questi giorni, dopo il periodo di relativa calma durato fino ad oggi?

Il rally di Bitcoin collegato alle attività di copertura dall’inflazione

Il portale specializzato Cryptonomist.ch ha portato all’attenzione un paio di spunti interessanti sull’argomento. In primis, è stata discussa la questione della stampa di moneta e degli impatti sulla valuta, con l’inevitabile attività di copertura dall’inflazione. Il sito dedicato alle criptovalute ha citato un tweet di Anthony Pompliano, che ha fatto notare come a seguito dell’introduzione di 2,5 trilioni di dollari di stimoli monetari da parte degli Stati Uniti sia l’Oro che il Bitcoin siano cresciuti rispettivamente del 26 e 43%, sottolineando come gli USA continueranno a stampare moneta anche nel breve termine (di conseguenza, le quotazioni sia dell’Oro che del Bitcoin sono destinate a continuare a crescere).

Non cresce solo Bitcoin

Prima del rally delle ultime ore di Bitcoin, a crescere in maniera ancora più decisa è stata la criptovaluta Ethereum, tornata sopra i 300 dollari per ogni ETH e a una capitalizzazione azionaria di oltre 35 miliardi.

Non accenna ad arrestarsi nemmeno la crescita esponenziale delle stablecoin, con Tether che occupa da tempo stabilmente la terza posizione con una capitalizzazione azionaria che ha raggiunto di 10 miliardi.

Leggi anche: Investire in criptovalute: frodi e schema Ponzi causano buco da 4,5 miliardi

[email protected]

Argomenti: ,