Biglietti voli aerei fino a 400 euro: prezzi alle stelle e tariffe sociali inesistenti

La situazione voli aerei appare frammentata tra rincari e non, a seconda della meta e della concorrenza.

di , pubblicato il
La situazione voli aerei appare frammentata tra rincari e non, a seconda della meta e della concorrenza.

Le compagnie aeree stanno riprendendo a volare e dovrebbero aumentare i voli tra luglio e agosto per un graduale ritorno alla normalità. Il problema ora sono le tariffe dei biglietti aerei, troppo cari, senza contare la mancanza delle tariffe sociali

La questione delle tariffe sociali

Non è ancora chiaro come sarà viaggiare questa estate ma tra mille incertezze in tanti pensano che potrebbe essere un privilegio per molti. A mancare sono anche gli sconti sugli aerei per quanto riguarda i voli verso la Sicilia. Secondo Giancarlo Cancelleri, viceministro ai Trasporti, intervistato da Open “Se non cominciano a volare le compagnie, non possiamo sapere quando scatteranno le tariffe sociali” aggiungendo anche che il governo è pronto a dare un contributo “per ogni biglietto aereo acquistato da e per Palermo e Catania”. Si tratta di uno sconto che sarà valido per studenti universitari fuori sede e lavoratori che operano fuori dalla Regione con reddito annuo lordo che non supera 20mila euro. Le tariffe sociali riguardano anche i cittadini siciliani che devono lasciare la Regione per motivi di salute. 

Il nodo rincari

Il problema attuale non riguarda solo le tariffe sociali per i voli da e per la Sicilia ma anche il rincaro dei voli generalizzato, soprattutto per le isole. Si parla di tariffe solo andata anche di 400 euro per un Milano-Catania o un Bologna-Palermo con Alitalia oppure circa 200 euro con Ryanair partendo da Malpensa. 

La situazione voli aerei appare però frammentata visto che, se per le isole italiane le tariffe sono alte e nonostante tutto i voli disponibili sono anche stati prenotati, per altre destinazioni i vettori aerei stanno facendo una vera e propria guerra dei prezzi.

Dove la concorrenza è più alta i vettori stanno proponendo tariffe basse, tanto che è usuale trovare prezzi variabili da un giorno all’altro. Gli esperti Iata però sono convinti che i prezzi bassi non saranno eterni, anzi sembra probabile che tra qualche tempo le tariffe si alzeranno davvero in quanto le compagnie devono recuperare la liquidità persa in questi mesi. Una vera ripresa ci sarà solo dal 2021. Secondo una ricerca svolta dal Corriere sui dati Iata, le compagnie quest’anno perderanno 34 euro a passeggero a causa del coronavirus. Solo dal prossimo anno le cose andranno meglio ma non del tutto, visto che in parte le compagnie resteranno in rosso anche il prossimo anno.

Leggi anche: Voli aerei, guerra tariffaria delle compagnie: prezzi bassi ma non per molto

[email protected]

Argomenti: ,