Beppe Grillo: lo Tsunami Tour a Catanzaro

Beppe Grillo approda con il suo Tsunami Tour a Catanzaro dove mostra ottimismo per l'esito del voto.

di , pubblicato il

-beppe-grilloIeri Beppe Grillo è stato accolto a Catanzaro da una Piazza Prefettura stracolma di gente. Il comico genovese arriva puntualissimo e inizia il suo comizio anche in anticipo rispetto ai tempi: un vera novità in politica dove si deve sempre attendere e dove tutti sono sempre in ritardo. Grillo ha illustrato alla piazza, col suo solito linguaggio coinvolgente, il programma del Movimento 5 Stelle, programma con il quale il Movimento si presenta alle prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio. Durante il lungo comizio, presenti sul palco anche i candidati al Parlamento a cui Grillo ha detto “Perchè non avete parlato? Ragazzi dovete andare in Parlamento…” e poi ha suggerito ” Dovete fare le prove, parlare tre minuti in pubblico…”

Il leader del Movimento 5 Stelle parla dei calabresi e dice “I calabresi non possono solo votare e stare a guardare. Se stanno lì a demandare ad altri non devono votare per me. Devono partecipare per la propria terra e il proprio territorio. Quando i cittadini diventeranno Stato il Movimento non avrà più ragione di essere”.
Considerazioni, poi, sul fatto che questa è una delle ultime possibilità offerte agli italiani per cercare di cambiare le cose “Questo è l’ultimo treno ma io sono ottimista. Se parte la Calabria. La Sicilia è partita, e lì non ci davano una lira”
Al termine del comizio una riflessione sulla legge elettorale e sull’esito delle elezioni: “Questa legge elettorale, la loro legge elettorale, gli si ritorcerà contro. Noi faremo il botto”.
E’ ottimista Grillo parlando con alcune persone presenti in piazza con le quali si è intrattenuto a parlare dopo la fine del comizio. Vogliamo esserlo anche noi, per il bene dell’Italia, per avere una speranza che le cose cambino fra meno di un mese.

Argomenti: