Beffa sui prezzi di benzina e gasolio: in Italia costa meno che nel resto d’Europa (senza tasse)

Il problema del prezzo della benzina e del gasolio in Italia: nell'Unione Europea il prezzo medio è di 1,414 euro, con una differenza dunque pari a 10,7 centesimi per litro.

di , pubblicato il
Il problema del prezzo della benzina e del gasolio in Italia: nell'Unione Europea il prezzo medio è di 1,414 euro, con una differenza dunque pari a 10,7 centesimi per litro.

Un paradosso tutto italiano. Quante volte abbiamo sentito che in Italia il carburante costa di più che altrove? Nei fatti è tutto vero, anche di recente vi abbiamo proposto un approfondimento a riguardo, con il nostro Paese che può essere paragonato ai Paesi del Nord Europa, dove però il salario è nettamente superiore. Cosa succederebbe però se si scomponesse il prezzo di benzina e gasolio presente nelle stazioni di carburante e si prendesse in considerazione soltanto il costo della materia prima senza tasse? In maniera sorprendente, l’Italia arretrerebbe di colpo alle ultime posizioni della classifica europea, dal momento che potrebbe contare sui prezzi più disincentivati nel territorio dell’Unione Europea.

Costo della benzina

Prendiamo come esempio il costo della benzina. In Italia in media costa in media 1,52 euro al litro, nell’Unione Europea il prezzo medio è di 1,414 euro, con una differenza dunque pari a 10,7 centesimi per litro. Se si guarda però al carico fiscale e si prende in considerazione quindi il prezzo esentasse della benzina, si scopre che in Italia il prezzo industriale è di 51,8 centesimi al litro, mentre in Europa di 52,1 centesimi. Come si arriva allora a una differenza di 10,7 centesimi una volta che si fa rifornimento presso la stazione di servizio? La questione si risolve tutta in tasse, che in Italia hanno un peso di 1 euro, in Europa invece in media le tasse pesano per 89,3 centesimi, con una differenza dunque di 11 centesimi rispetto al fisco italiano. Paradossalmente, l’Italia avrebbe il costo più basso della benzina se non fosse per il peso fiscale, nettamente superiore rispetto alla media degli altri Paesi dell’Unione Europea.

Costo del gasolio

Un discorso analogo può essere fatto per il costo del gasolio.

Prendendo come riferimento il costo medio alle stazioni di carburante, gli automobilisti italiani pagano in media 1,461 euro al litro, mentre i colleghi europei 1,329 euro. Lo scarto è maggiore rispetto a quello visto prima per il prezzo di un litro di benzina, con un divario pari a 13,2 centesimi. Peccato però che se si elimina il peso fiscale l’Italia presenta il prezzo industriale più basso rispetto alla media europea: 58 centesimi contro 59,8 centesimi al litro dei Paesi dell’Unione Europea. Anche stavolta, a incidere in maniera negativa sono le tasse superiori che gli automobilisti sono costretti a pagare in Italia, pari a 88,1 centesimi. In Europa, invece, il peso fiscale corrisponde a 73,1 centesimi. La differenza fiscale è quindi di 15 centesimi al litro.

Il discorso diventa più ampio se parliamo dei prezzi alla pompa di benzina. Negli ultimi tempi abbiamo notati prezzi al ribasso ma non è raro notare come durante i periodi di festa molti distributori impongano prezzi di benzina e diesel più alti sia per il servito sia per il fai da te.

Ti potrebbe interessare anche: Prezzi benzina e diesel ancora giù: i Paesi dove fare il pieno costa di più, Italia sul podio

Argomenti: