BCE, possibile deprezzamento dell’Euro

Le prime reazioni del mercato alla decisione della BCE di terminare il QE a fine anno sono state favorevoli ai mercati ma sfavorevoli all'euro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le prime reazioni del mercato alla decisione della BCE di terminare il QE a fine anno sono state favorevoli ai mercati ma sfavorevoli all'euro

Sulla scia delle parole di Peter Praet di settimana scorsa che hanno agitato i mercati, gli investitori hanno supposto un annuncio della BCE sulla conclusione del QE a fine 2018 con un primo rialzo dei tassi solo a metà 2019. Questo ha portato inoltre ad aspettarsi che la BCE condizioni le proprie decisioni sulla base dei dati a sua disposizione.

E questo è bene o male quanto appena comunicato dalla BCE, ma sulla scia di una serie di dati più deboli delle attese quest’anno, la reazione complessiva si è concretizzata in un futuro percorso di intonazione leggermente più dovish. Di conseguenza, le prime reazioni del mercato sono state favorevoli sia per l’azionario che per l’obbligazionario, ma di segno opposto per la moneta unica. Alla luce della pronuncia di ieri della Fed, in una qualche misura più hawkish, l’euro potrebbe rischiare un ulteriore indebolimento nei confronti del dollaro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: cambio Euro Dollaro

I commenti sono chiusi.