Ballarò, puntata 21 maggio 2013: a chi conviene questo governo?

Il rinvio dell’Imu e l’aumento dell’IVA: sono questi i punti su cui si poggia la stabilità del governo Letta?

di , pubblicato il
Il rinvio dell’Imu e l’aumento dell’IVA: sono questi i punti su cui si poggia la stabilità del governo Letta?

Nella puntata in onda ieri sera, 21 maggio, di Ballarò, dopo la copertina introduttiva di Crozza (Copertina Maurizio Crozza, puntata Ballarò 21 maggio 2013: la legge anti-Grillo) si è discusso sul governo Letta cercando di capire a chi, tra Pd e Pdl, convenga questo esecutivo di larghe intese. Ospiti di Floris in studio il ministro degli Affari Regionali Graziano Delrio (che quindi non ha rispettato l’invito di Enrico Letta a non partecipare a dibattiti televisivi), Alessia Mosca del PD, Anna Maria Bernini del PdL, l’economista Giacomo Vaciago, la blogger vicina al Movimento 5 Stelle Lidia Undiemi, Gianluca Pini di Lega Nord e l’editorialista di Repubblica Giovanni Valentini.

Strage di Capaci: il ricordo di Falcone

La puntata si apre con un collegamento dalla scuola di Polizia Penitenziaria di Roma con il presidente del Senato Piero Grasso in occasione del 21esimo anniversario della strage di Capaci. Grasso ricorda Falcone come “un modello di professionalità, di rigore, di impegno. È un eroe moderno”. Con Grasso c’è Alfonso Sabella, che arrestò Giovanni Brusca.

In quante parti è divisa l’Italia?

Gianni Riotta descrive una nazione divisa: c’è l’Italia che vuole Berlusconi spensierato a cantare e quella vuole vederlo in galera. Giovanni Valentini invece sottolinea che le italie sono tre facendo riferimento al M5S.

Legge anti-Grillo e l’ineleggibilità di Berlusconi

Valentini non critica la ratio della proposta Zanda-Finocchiaro ma la considera fuori luogo visto che non può costituire la priorità del governo. Il giornalista è convinto che Berlusconi sia ineleggibile in quanto concessionario pubblico. La Bernini invita a considerare la volontà emersa alle urne. Sulla proposta di legge del Pd Mosca sottolinea che era già stata presentata nella vecchia legislatura.

Rinvio Imu e Aumento Iva: quali le decisione del governo?

Si parla di tasse. Il rinvio dell’Imu rende necessario l’aumento di un punto percentuale dell’Iva? Valentini attribuisce al governo Berlusconi la fondazione di Equitalia e l’introduzione dell’Imu sulle seconde case. Il giornalista ritiene che sia giunto il momento di tagliare i costi dello Stato, senza chiedere altri sacrifici ai cittadini.riforma Imu Per Delrio è giusto differenziare le famiglie meno abbienti e i grandi proprietari anche sulla prima casa. Ipotizza quindi una sorta di patrimoniale. Per Bernini l’abolizione  dell’Imu e il mantenimento dell’Iva sono fondamentali per la stabilità del governo. La questione Imu in particolare rappresenta una priorità per il 73% delle famiglie italiane, che possiede almeno una casa. Quest’imposta inoltre rischia di paralizzare il mercato delle compravendite immobiliari. Per Vaciago invece l’Imu è un finto problema.

Intervista ad Amato: il Movimento 5 Stelle raccoglie il voto di protesta

Giuliano Amato, presidente della Treccani, interpreta il voto a Grillo come espressione di protesta:  “Il M5S raccoglie di sicuro un sentimento che si sta radicando nella società in crisi di oggi; la gravissima e prolungata crisi economica, la recessione, ormai da qualche anno soprattutto per i giovani ha fatto perdere di credibilità che dal basso si possa arrivare in alto nella scala sociale. Se è così chiunque cresce nella scala sociale viene visto come un nemico. C’è un’uguaglianza nel basso che nega il progresso”. Poi commenta la polemica sulla sua pensione: “La somma della mia pensione e del mio vitalizio parlamentare, che ho già detto che non riscuoto. La mia pensione al netto è 11mila euro circa. È alta ma è sotto il tetto stabilito dal governo Monti per i trattamenti pensionistici”.

Argomenti: