Bagaglio a mano Ryanair: in arrivo possibili nuove regole per le valigie in stiva

Ryanair ha chiuso l’anno finanziario 2017-2018 con un utile in crescita del 10% ma presto potrebbe cambiare nuovamente le regole per il bagaglio a mano.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Ryanair ha chiuso l’anno finanziario 2017-2018 con un utile in crescita del 10% ma presto potrebbe cambiare nuovamente le regole per il bagaglio a mano.

Ryanair sembra in vena di cambiamenti. Solo alcuni giorni fa aveva annunciato la novità in merito al check-in che sarà gratuito solo fino a 48 ore prima della partenza del volo, una novità che come sempre ha creato scompiglio tra i viaggiatori. Un pò come era successo pochi mesi fa, quando la low cost di Michael O’Leary aveva annunciato, e poi messo in pratica, la nuova regola sul secondo bagaglio a mano a pagamento. Per portare a bordo il secondo bagaglio, quello più grande, sarebbe stato necessario pagare altrimenti il trolley da cabina sarebbe finito in stiva gratis. Fu una decisione che non fece felici molti utenti che criticarono Ryanair duramente. Adesso, chi acquista l’imbarco prioritario con un costo da 6 euro a tratta, potrà portare in cabina 2 bagagli a mano mentre chi non paga dovrà lasciare il più ingombrante agli addetti del gate che lo caricheranno in stiva.

Ancora nuove regole per il bagaglio a mano?

In merito al bagaglio a mano a pagamento, come scrive Il Corriere della Sera, sembra che la low cost sia intenzionata a cambiare ancora e rendere le regole più restrittive. La motivazione è da ricercare nei troppi bagagli in stiva come ha sottolineato anche il Ceo O’Leary «la novità sta creando alcuni problemi sul lato della gestione dei bagagli, soprattutto nei periodi di picco, come i lunghi fine settimana o i mesi estivi». In parole semplici ci sarebbero più bagagli a mano da caricare in stiva gratuitamente, questo perchè molti utenti pur di non sborsare il costo aggiuntivo per portare il trolley a bordo è disposta a farselo caricare in stiva gratis.

La compagnia lamenta quindi “100, 120 bagagli raccolti al gate e caricati gratuitamente”, una perdita di tempo che potrebbe portare Ryanair a rivedere la norma. In seguito alle lamentele iniziali degli utenti, che nel gennaio scorso criticarono aspramente Ryanair per la decisione di far pagare il secondo bagaglio per averlo in cabina, è seguita, a detta del Ceo, una sorta di gradimento visto che ora nessuno fatica più a trovare posto nella cappelliera. Ora però tutto potrebbe nuovamente cambiare con nuove regole più rigide come, ad esempio, accettare solo un bagaglio e chiedere un extra per la seconda valigia per chi non paga l’imbarco prioritario.

Ragioni puramente economiche?

La scelta era stata dettata dal fatto che molti viaggiatori si presentavano con valigie ingombranti incuranti dei posti degli altri viaggiatori nella cappelliera, peggiorando di fatto la puntualità dei voli. In realtà dietro potrebbero esserci anche questioni puramente economiche, basti pensare che i costi dell’imbarco prioritario, scelta del posto etc hanno fatto crescere i ricavi extra del 13%, 2,02 miliardi di euro, rispetto al 2016. Si penserebbe dunque a portare questa cifra  al 30% entro l’anno, scopo che non risulterebbe difficile se si chiedesse, ad esempio, un contributo extra per chi porta 2 valigie.

C’è poi da considerare che nell’ultimo anno almeno il 50% dei passeggeri hanno pagato per scegliere il posto, pena trovarsi lontani dal proprio partner di viaggio, un altro 20% ha pagato per l’imbarco prioritario e un 10% per la tariffa Plus. In ogni caso Ryanair ha chiuso l’anno finanziario 2017-2018 con un utile in crescita del 10% a 1,45 miliardi di euro, aumentato anche il traffico passeggeri, che sono stati 130,3 milioni in crescita del 9% soprattutto in Italia, Germania e Spagna, mentre  i ricavi sono cresciuti dell’8% a 7,151 miliardi di euro. Per quest’anno però, secondo O’Leary, si attende un calo degli utili per via delle “quotazioni vicino agli 80 dollari al barile che porteranno a un significativo scossone nel settore aereo già da questo inverno».

Leggi anche: Check-in Ryanair, cambia tutto: ecco le nuove regole dal 13 giugno, monta la polemica

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia