Auto elettriche e metano: un futuro a braccetto mentre il diesel va verso il tracollo?

Auto elettriche e metano non si faranno concorrenza ma il diesel vede il tracollo all'orizzonte.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Auto elettriche e metano non si faranno concorrenza ma il diesel vede il tracollo all'orizzonte.

Le auto diesel sono destinate a diminuire nei prossimi anni lasciando sempre più spazio alle auto elettriche o ibride. Non si tratterà di un’invasione di mercato piuttosto di una sostituzione progressiva che già nel 2025 potrebbe vedere una fetta del mercato, pari al 25%, dominato dai veicoli elettrici.

Auto elettriche e metano andranno a braccetto?

In un mercato che vede sempre più il coinvolgimento delle auto elettriche, si parla spesso del timore che i veicoli a metano e biometano andranno a fare diretta concorrenza ai veicoli elettrificati. Se, infatti, le auto diesel diventeranno appannaggio di pochi tipi di veicoli, secondo uno studio di Oil&nonoil, nel 2030 vi saranno 13 milioni di auto a gas in circolazione in Europa. In crescita anche il numero di bus e camion a gas così come i veicoli commerciali leggeri. E se nel 2025 il numero di auto elettriche potrebbero crescere a dismisura rispetto ad oggi, si pensa che nel 2040 un terzo dei veicoli circolanti saranno elettrici. Il metano però non dovrebbe fare concorrenza ai veicoli elettrici piuttosto convivere senza rubarsi quote di mercato come ha fatto notare l’ad di Snam, Marco Alverà, secondo quanto riporta Business Insider: “Penso che l’auto elettrica avrà un grande successo ma se guardiamo per esempio alle stime della quota di mercato in questo settore, poniamo quota x, la parte restante 1-x resta fondamentalmente diesel. E quel diesel prima lo convertiamo al metano e prima puliamo l’aria”. Il metano risulta meno inquinante rispetto alle auto diesel e produce meno emissioni, ecco perché si pensa ad una convivenza con le auto elettriche piuttosto che con il diesel.

Il tracollo del diesel

Ad oggi, le auto a benzina continuano ad essere le più immatricolate in Europa. Secondo l’Acea, l’associazione dei costruttori europei, però anche le auto ad alimentazione alternativa come  ibride ed elettriche hanno aumentato la percentuale segnando un +26,5%. Mentre le auto a benzina hanno aumentato le immatricolazioni del 14,7% rispetto all’anno scorso, quelle diesel hanno segnato un -18,3%. Come appena accennato, rispetto al 2017 sono cresciute le immatricolazioni di ibride (+34,6%) ed elettriche a batteria (+34,9%) ma non è tanto l’Italia a rappresentare questo dato piuttosto altri paesi europei tra cui la Spagna.

Leggi anche: Auto diesel sì o no? In arrivo gli incentivi rottamazione che potrebbero cambiare il mercato

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia