Auto elettrica, la carta segreta di Apple contro Tesla

Apple pronta a sfidare Tesla con l'auto elettrica? Il progetto Titano verso la realtà.

di , pubblicato il
Auto elettrica, la carta segreta di Apple contro Tesla

Project Titan è il progetto che la Apple aveva avviato nel 2014 per realizzare un’auto elettrica in grado di concorrere con i migliori player del mercato, inclusa Tesla che ad oggi rimane il punto di riferimento. Secondo il piano originario, il progetto Titano avrebbe dovuto prendere concretamente forma proprio nel 2020, ma sappiamo che le cose sono andate diversamente. Adesso però, sembra che in casa di Cupertino ci abbiano ripensato e vogliano prendere dunque di nuovo in mano l’idea di produrre un’auto elettrica nel corso dei prossimi anni, andando a sfidare la casa automobilistica fondata da Elon Musk.

La scelta di Apple

Il marchio Apple è da sempre associato a iPhone, Mac e iPad. Soltanto di recente ha ampliato il proprio mercato, aprendo la porta dorata dei servizi e spingendo per nuovi prodotti, tra cui gli Apple Watch e le AirPods. Va da sé però che un conto è realizzare in un anno milioni di gadget elettronici, invece costruire un’auto da zero e produrne in quantità apprezzabili per un uso di massa è un altro paio di maniche.

Dalla sua Apple avrebbe in mano comunque una carta importante: una batteria elettrica rivoluzionaria, con un design monocellulare, in grado di raggiungere un’autonomia nettamente maggiore rispetto al passato. Non solo, perché stando sempre ai rumor la società di Cupertino starebbe lavorando anche a una soluzione chimica per mezzo della quale la batteria dell’auto elettrica sarebbe ancora più sicura rispetto a quella attuale.

Il tweet di Elon Musk

La voce secondo cui Apple starebbe pensando di realizzazione un’auto elettrica di massa ha raggiunto anche Elon Musk, che interrogato sull’argomento ha rivelato un interessante retroscena. Il numero uno di Tesla ha infatti svelato che nel periodo più difficile della sua azienda aveva contattato Tim Cook per offrirgli Tesla, che in quel periodo valeva un decima di oggi. Quale fu la risposta del Ceo di Apple? Stando a quanto raccontato da Musk, Tim Cook si sarebbe perfino rifiutato di incontrare il numero uno della casa automobilistica californiana.

Vedi anche: Stipendi Apple, Facebook, Google, Amazon e Twitter: ecco quanto pagano i dipendenti ‘creativi’

[email protected]

Argomenti: ,