Aumento prezzi sigarette: dalla manovra finanziaria amara sorpresa per i fumatori italiani, ecco quanto rincarano

Aumento prezzi delle sigarette in arrivo per i fumatori italiani. La Manovra prevede rincari pari a circa 10 cent a pacchetto.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Aumento prezzi delle sigarette in arrivo per i fumatori italiani. La Manovra prevede rincari pari a circa 10 cent a pacchetto.

La nuova manovra finanziaria ha regalato un’amara sorpresa ai fumatori italiani. Infatti, nella nuova legge di Bilancio per il 2019 è previsto un aumento delle sigarette, con i rincari dei prezzi pari a circa 10 cent a pacchetto. L’aumento è previsto per tutte le fasce di prezzo a cui appartengono le sigarette. Ciò significa che i rincari colpiranno tutti i fumatori del nostro Paese. In totale, nella manovra sono previsti rincari nella tassazione superiori a 100 milioni di euro, per un totale di 132 milioni di euro (alle tasse sulle sigarette vanno aggiunte quelle sui sigari e il trabacco trinciato, che da sole costituiscono un importo 24 milioni di euro.

4 miliardi e mezzo da banche, assicurazioni e giochi

Oltre all’aumento delle sigarette, la nuova manovra finanziaria prevede anche una stretta sul mondo bancario, assicurativo e dei giochi. Come preannunciato alla vigilia, il governo Movimento 5 Stelle e Lega Nord non intende indietreggiare su questo fronte e i numeri della manovra lo dimostrano. Nel 2019 sono previsti risparmi e incassi per circa 4 miliardi e mezzo di euro. Di recente, il ministro dell’Economia Giovanni Tria si era detto preoccupato per le banche in riferimento alla quotazione dello spread superiore a 300 punti (differenziale Bpt/Bund tedeschi). Lo spread nella giornata di ieri ha chiuso sotto i 300 punti base, fermandosi a quota 298.

Possibile aumento addizioni locali e tributi

Un altro dato importante contenuto nella manovra finanziaria è il mancato blocco per il 2019 degli aumenti delle addizionali locali e dei tributi. Il blocco era stato voluto dai due precedenti governi a maggioranza Pd (governi Renzi e Gentiloni). Il rischio potenziale è che si arrivi ad un aumento massimo sia delle addizionali locali che dei tributi. Nello scenario peggiore, l’addizionale Irpef regionale salirebbe al 3,3 per cento, quella comunale allo 0,8 per cento. Luci e ombre di una manovra finanziaria che sarà confermata in blocco dal governo nonostante la bocciatura ricevuta dalla Commissione Ue nei giorni passati.

Leggi anche: Aumenti sigarette: ecco tutte le marche interessate e quanto costeranno di più

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Politica, Politica italiana