Assicurazione viaggi, quando la polizza evita di rovinarti le vacanze

Assicurarsi prima di partire in vacanza sarebbe la giusta soluzione contro le cattive sorprese. Ecco quanto costa una polizza e perché conviene.

di , pubblicato il
Assicurarsi prima di partire in vacanza sarebbe la giusta soluzione contro le cattive sorprese. Ecco quanto costa una polizza e perché conviene.

Estate, tempo di vacanze. 20 milioni di italiani in viaggio quest’anno, molti dei quali con destinazione un paese europeo o anche al di fuori del Vecchio Continente. Spagna e Grecia restano le mete estere preferite, confermando il forte legame tra italiani e Mediterraneo. Basta poco, però, per trasformare una vacanza in un inferno, perché gli impedimenti e le avversità sono sempre dietro l’angolo. Secondo un’analisi di Facile.it, il mercato potenziale delle sole assicurazioni per la copertura medica in vacanza all’estero sarebbe di 395 milioni di euro all’anno in Italia. La polizza varia a seconda di diversi parametri, come la durata del viaggio, la tipologia di copertura richiesta e i massimali.

In ogni caso, le cifre sono contenute e i benefici tendenzialmente molto elevati, perché garantiscono il viaggiatore per i casi che qualcosa andasse storto: da un annullamento del viaggio per causa attentati, al ricovero in ospedale, passando per le incongruenze tra le offerte pubblicizzate e i servizi effettivamente goduti. (Leggi anche: Assicurazioni viaggi Francia: boom domande)

Polizza viaggi, esempi

Un esempio? Per un viaggio di 5 giorni in Italia, la sola copertura medica costerebbe sui 10 euro, ma la polizza sale a 25 euro per assicurarsi anche contro il rischio di smarrimento del bagaglio e di annullamento del viaggio. Per le mete straniere, i prezzi salgono. Per 15 giorni negli USA, oscillano tra 33 e 76 euro, ma considerando il prezzo medio di un pacchetto per una vacanza negli States e tenendo presente che qui si verrebbe coperti nel caso di ricorso a cure mediche, quando altrimenti ci si imbatterebbe in costi salatissimi (il sistema sanitario americano è essenzialmente privato), la contrazione della polizza appare semplicemente da saggi.

Una delle polizze più diffuse, spiega Giordano Sala, responsabile New Business di Facile.it, è quella che assicura contro il rischio di annullamento del viaggio, a copertura del 100% del costo dello stesso. In pochi sanno, aggiunge, che tale polizza garantisce il rimborso integrale del prezzo sborsato anche per il caso di licenziamento del lavoratore, il quale non avendo più un posto di lavoro non potrebbe permettersi la vacanza. (Leggi anche: Assicurazioni viaggio Grecia)

Simulazione di polizze viaggi

E noi di Investire Oggi abbiamo voluto indagare meglio, simulando il preventivo di polizze per varie ipotesi di vacanze. Il primo riguarda un possibile viaggio di una settimana da oggi e fino al martedì prossimo in Europa. La sola copertura medica implica un costo di 21,88 euro, avvalendoci dello sconto del 10%, il quale praticamente ci viene erogato senza alcuna condizione, quindi, appare automatico. Aggiungendo la copertura per il rischio di smarrimento del bagaglio, il costo sale a 27,35 euro. Si consideri che nel caso malaugurato che quest’ultimo rischio si concretizzasse, si avrebbe diritto a un rimborso massimo fino a 1.500 euro. La polizza include anche l’infortunio nel corso del viaggio per un massimo di 10.000 euro e la responsabilità civile fino a 250.000 euro.

Se aggiungiamo anche la copertura contro il rischio di annullamento del viaggio e di rientro anticipato, la polizza sale a 36,82 euro, prevedendo il rimborso fino a un massimo di 2.000 euro (viaggiatore singolo), fino a un massimo di 25.000 euro per il caso di infortunio e di 500.000 euro di massimale per la responsabilità civile. Infine, ci viene offerta una proposta interessante per i casi di viaggi multipli nell’anno: fino a 31 giorni di vacanze si paga una polizza di 77,29 euro, a copertura di tutti i rischi segnalati nell’esempio precedente.

Simulando un viaggio di 7 giorni nello stesso periodo, ma stavolta per qualsiasi destinazione nel mondo, i costi delle suddette polizze salgono rispettivamente a 40,38, 50,47, 67,98 e 114,03 euro. Chiaramente, stiamo proponendo l’offerta più popolare, che potrebbe anche non risultare la più economica.

Per questioni di correttezza, non facciamo il nome della compagnia assicuratrice. Si potrebbe risparmiare qualche euro rispetto ai prezzi sopra indicati, ma il nocciolo del discorso non cambia: contrarre una polizza a copertura di tutti i rischi insiti in una vacanza potrebbe costare sui 40-70 euro, a seconda della meta, mentre limitandosi alle spese mediche e al bagaglio, si dovrebbero spendere 25-50 euro per viaggiatore. Oneri che pesano certamente per le tasche del viaggiatore-assicurato, ma una volta pagato si sarà allontanato l’incubo di una vacanza rovinata, almeno sul piano economico.

 

Argomenti: ,