Amazon, un altro Black Friday nero: aria di tempesta per i turni, mentre a NY apre 4-Star

A ridosso del Black Friday e degli acquisti di Natale, tornano le tensioni sui turni di notte nel magazzino di Piacenza

di Chiara Lanari, pubblicato il
A ridosso del Black Friday e degli acquisti di Natale, tornano le tensioni sui turni di notte nel magazzino di Piacenza

Sembra non esserci pace per Amazon. Dopo le novità sui supermercati senza casse, il colosso americano torna ad avere problemi con il Black Friday all’orizzonte e ancora una volta le tensioni riguardano il magazzino di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, che già lo scorso anno fu protagonista di alcuni scioperi da parte dei dipendenti e sempre nel periodo di maggior affluenza di ordini. 

Il problema dei turni

In vista del 23 novembre, giorno dell’atteso Black Friday, Amazon inizierà un periodo molto impegnato sul fronte ordini e lavoro. Subito dopo il Black Friday prenderanno il via gli acquisti di Natale e per i dipendenti di Castel San Giovanni si è acceso il problema legato ai turni di notte. Tutto nasce da un accordo firmato a maggio con i sindacati in cui veniva stabilito che il lavoro notturno sarebbe stato affidato a volontari e nel caso questi non fossero stati sufficienti si sarebbe fatto fronte alle agenzie interinali per trovare impiegati in somministrazione.

Leggi anche: Black Friday 2018, il venerdì nero degli sconti mozzafiato sta per tornare su Amazon, UniEuro e Yeppon

In realtà i sindacati hanno denunciato che il colosso dell’e-commerce starebbe pressando i dipendenti fissi per accettare i turni di notte, questo dopo che l’Ispettorato del lavoro, come riporta Wired, avrebbe trovato lo scorso anno più lavoratori interinali che fissi; si parla di 1.308 posizioni irregolari, o forse di più, relativi ai contratti a termine-indeterminati. Amazon però avrebbe già risposto che l’accettazione dei turni di notte è stata effettuata su base volontaria e che avrebbe creato un turno di notte ordinario, dalle 23.30 alle 7.30, su base volontaria appunto, con pagamento maggiorato del 15% e un’altro avviato da maggio con orario 22-4 del mattino, pagato il 25% in più. Nessuna pressione insomma per il colosso dell’e-commerce anche se i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl pensano già ad organizzare una nuova assemblea.

Secondo Francesca Benedetti, segretaria generale della Fisascat Cisl a Piacenza “Il decreto dignità ha posto un limite di durata ai contratti a termine e la società è in difficoltà a trovare lavoratori che non abbiano raggiunto o stiano per arrivare a 24 mesi”.

Amazon apre Amazon 4-Star

Nel frattempo, sul fronte commercio, Amazon sta aprendo a New York un negozio a 4 stelle, «Amazon 4-Star», in cui saranno venduti soltanto prodotti di un certo livello, quelli che appunto hanno un punteggio di almeno 4 stelle oppure oggetti di tendenza e popolari. Si potranno trovare giocattoli, oggetti per la casa, e-reader Kindle, oggetti hi tech e molto altro. Per gli abbonati ad  Amazon Prime i prezzi saranno più bassi rispetto a quelli di listino. Ciò conferma l’intenzione del colosso americano di puntare anche ai negozi fisici e non soltanto all’e-commerce.

Leggi anche: Instagram punta allo shopping come Amazon: al via gli acquisti dalle storie, ecco come funziona

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Economia USA