Amazon, sciopero prima di Natale? La possibile data X

Il nuovo sciopero dei dipendenti Amazon potrebbe avvenire entro il 21 dicembre: nuova eclatante protesta da parte dei dipendenti?

di , pubblicato il
Il nuovo sciopero dei dipendenti Amazon potrebbe avvenire entro il 21 dicembre: nuova eclatante protesta da parte dei dipendenti?

Amazon e sindacati sono di nuovo ai ferri corti. Dopo la storica protesta di fine novembre, culminata nello sciopero in occasione del Black Friday dei dipendenti del magazzino di Castel San Giovanni a Piacenza, ci potrebbe essere una nuova eclatante protesta da parte dei dipendenti della compagnia statunitense, leader nel campo dell’e-commerce. I sindacati non escludono che possa avvenire prima di Natale, con l’obiettivo di creare reali disagi all’azienda. Infatti, i giorni a ridosso delle festività natalizie sono storicamente quelli in cui si registra il maggior picco di vendite per gli e-commerce, con Amazon che non fa distinzione a riguardo.

Verso la mobilitazione

Il nuovo sciopero dei dipendenti Amazon potrebbe avvenire entro il 21 dicembre, come affermato dal signor Molinari, che ricopre il ruolo di segretario della Filcams-Cgil della città di Piacenza. Lo stesso Molinari ha sottolineato come quella del 21 dicembre non sia una data casuale, ma corrisponda al “punto di picco delle attività di Amazon”, in riferimento alle tante richieste che perverranno in questi giorni online e a cui l’e-commerce dovrà far fronte prima che sopraggiunga Natale, avendo a disposizione soltanto un altro giorno, venerdì 22 dicembre. Da parte dei sindacati c’è la volontà manifesta di un’iniziativa prima di Natale, così da non poter consentire alla compagnia di organizzarsi, per ridurre eventuali disagi agli utenti che sono alla continua ricerca di un regalo per sé o i propri cari.

Amazon “bionico”: i robot supereranno i dipendenti?

Nell’intervista rilasciata a Dire, il segretario sindacalista Molinari trova tempo anche per evidenziare l’avvio del lavoro degli ispettori, controlli che farebbero parte di una campagna programmata come avrebbe riferito il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nonostante la tempestività faccia sorgere più di un dubbio al Molinari.

I sindacati sono ancora sul piede di guerra poiché ritengono insufficienti le misure adottate da Amazon, che all’indomani dello sciopero del Black Friday ha istituito dei gruppi di studio il cui compito è di monitorare l’attività dei dipendenti, valutandone l’organizzazione del lavoro.

Leggi anche: Amazon: la corsa ad ostacoli verso il 2018, tre problemi da affrontare

Tra Alibaba e Amazon è guerra online: supermercati nel mirino dei colossi web

Argomenti: ,