Amazon, moda che passione: le private label del nuovo Big Bang economico

Amazon pensa in grande: 69 private label di moda e accessori realizzate dal colosso di Seattle in questi anni.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Amazon pensa in grande: 69 private label di moda e accessori realizzate dal colosso di Seattle in questi anni.

In principio Jeff Bezos inventò quella che sarebbe diventata da lì a breve la più importante libreria online del mondo. Poi arrivarono i prodotti hi-tech. Non pago, Amazon in questi anni ha preso il sopravvento anche nell’universo del retail alimentare. Poi ha iniziato a pensare al concetto di immortale, studiando quello che – nell’ordine delle idee di Bezos – dovrebbe essere il primo orologio millenario della storia dell’uomo. Adesso, sembra sia tutto pronto per un nuovo Big Bang economico. Il perno centrale sarà ricoperto dalle 69 private label di moda e accessori realizzate dal colosso di Seattle in questi anni. Le case di abbigliamento farebbero bene a iniziare a preoccuparsi.

Gli stipendi della Silicon Valley e dintorni: ecco quanto guadagnano, da Facebook ad Amazon

La moda secondo Amazon

Fashion Private Label. A molti di voi il nome di questa divisione interna di Amazon non dirà nulla. Nei prossimi mesi il discorso potrebbe cambiare. Non è un caso che delle 80 private label appartenenti ad Amazon, 69 siano state realizzate appositamente per il settore della moda. Di queste, 41 sono pensate per l’universo femminile, 13 per l’uomo, 6 per i bambini e 9 rientrano nella categoria unisex. Amazon le ha create sfruttando le keyword inserite nel portale dagli utenti online, incrociando i desideri dei potenziali clienti con quelli che ad oggi sono le mancanze delle case di abbigliamento. Un piano perfetto, una strategia che – in un futuro neanche troppo lontano – potrebbe ripagare Amazon con moneta sonante.

Secondo un report realizzato dalla società di ricerca newyorchese L2 (documento citato da Il Sole 24 Ore in un recente approfondimento), dal titolo “Amazon: Private Label”, l’e-commerce più famoso al mondo si appresta a diventare il primo retailer di abbigliamento negli Stati Uniti superando perfino Walmart. In cifre, si parla di qualcosa come 85 miliardi di dollari alla voce ricavi che la divisione Fashion Private Label potrebbe portare entro il 2020, circa il 10-20 per cento dell’intero fatturato di Amazon.

Leggi anche: Arriva la Amazon Tax in favore dei senzatetto, intanto il colosso scannerizza i corpi umani

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Economia USA