Amazon, l’inchiesta del Wall Street Journal: 4.152 prodotti a rischio in vendita

Il Wall Street Journal ha svolto un’inchiesta in cui è emerso che sul noto e-commerce ci sarebbero 4152 prodotti vietati in vendita.

di , pubblicato il
Amazon

Su Amazon, ormai, si può comprare davvero di tutto ma non sempre ci si domanda se quello che viene venduto è vietato oppure no. Secondo una ricerca del Wall Street Journal su Amazon sarebbero in vendita molti prodotti a rischio, etichettati in modo ingannevole o addirittura pericolosi secondo le autorità. Il noto giornale lo ha definito una sorta di mercatino delle pulci.

L’inchiesta del Wall Street Journal

Il Wall Street Journal ha svolto un’inchiesta in cui è emerso che sul noto e-commerce ci sarebbero 4152 prodotti vietati in vendita di cui almeno duemila sono giocattoli o medicine che non contengono avvertenze sui rischi per la salute, soprattutto dei bambini. Molti di questi erano già stati tolti dagli scaffali dei negozianti e lo stesso Amazon aveva detto di aver bandito circa 157 prodotti tra cui anche dei materassi pericolosi perché, secondo la Food and Drug Administration, potrebbero soffocare i bambini.

Prodotti in vendita pericolosi

Il Wall Street Journal  avrebbe anche commissionato dei test su 10 articoli in vendita per i più piccoli, di questi 4 non hanno superato il test e uno aveva livelli di piombo superiore al limite. L’inchiesta del noto giornale, comunque, ha dato i suoi frutti, visto che dopo la pubblicazione il 57% è stato tolto dal sito o vi sono state modifiche alle etichette. In seguito, un portavoce del noto e-commerce ha dichiarato che “la sicurezza è la priorità per il Gruppo, quando viene sollevato un problema agiamo per proteggere i consumatori e lavorare con rivenditori, marchi e agenzie governative”. Dunque, a quanto sembra, i prodotti ritenuti pericolosi dall’inchiesta del noto giornale, sarebbero stati tolti da Amazon.

Leggi anche: Amazon nel mirino dell’antitrust Ue per l’uso dei dati dei venditori terzi

Amazon e Poste: accordo storico per consegna in giornata e nuovi servizi per l’e-commerce

Argomenti: ,