Amazon e lo scandalo sulle decorazioni di Natale a tema Auschwitz: vendite ritirate

Decorazioni per alberi di Natale, tappetini per il mouse, apribottiglie come strumento di propaganda del nazismo, erano in vendita su Amazon.

di , pubblicato il
Decorazioni per alberi di Natale, tappetini per il mouse, apribottiglie come strumento di propaganda del nazismo, erano in vendita su Amazon.

Nelle ultime ore è scoppiato il caso delle decorazioni di Natale a tema Auschwitz in vendita su Amazon, dopo la segnalazione del profilo twitter Auschwitz Memorial. Il tema del nazismo è ancora oggi molto sensibile tra le nuove generazioni, che grazie alle loro condivisioni hanno permesso al Memoriale di avere una visibilità tale da mettere da subito pressione nei confronti di Amazon per la risoluzione della vicenda in tempi celeri.

Dopo un primo avviso, ne è arrivato un secondo, sempre da parte dell’account twitter ufficiale di Auschwitz Memorial, in cui veniva rinnovato ad Amazon l’invito di rimuovere dalla vendita altri articoli inneggianti al nazismo.

La vergogna delle decorazioni Auschwitz in vendita su Amazon

Decorazioni per alberi di Natale, tappetini per il mouse, apribottiglie: gli articoli utilizzati dai venditori terzi sul sito di e-commerce Amazon come strumento di propaganda del nazismo rappresentavano gli edifici e le strutture dove milioni di ebrei sono stati uccisi nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Nonostante la risposta celere di Amazon, che ha rimosso gli articoli in vendita su segnalazione di Auschwitz Memorial, a livello globale è stata una pubblicità non edificante per il colosso di Jeff Bezos, considerate anche le tempistiche.

Black Friday macchiato dalle decorazioni Auschwitz

Le decorazioni natalizie a tema Auschwitz non hanno fatto altro che macchiare il Black Friday di Amazon, uno degli appuntamenti più attesi dell’anno da parte degli utenti su Internet per acquistare online uno o più articoli a prezzo scontato. Lo scorso anno, il bilancio di Black Friday e Cyber Monday (il lunedì successivo all’ultimo venerdì di novembre) è stato ampiamente sopra le aspettative: in Italia si sono registrate il 25 per cento più di vendite, mentre in tutto il mondo la spesa per gli acquisti (non soltanto su Amazon) ha superato la cifra record di 7,9 miliardi di dollari, quasi il 20 per cento più rispetto all’anno precedente.

Leggi anche: Amazon Music gratis per tutti: l’affare di Jeff Bezos all’attacco di Spotify

Amazon contro Microsoft: in ballo contratto da 10 miliardi di dollari

.
Argomenti: , , ,
>