Alle banche Usa piacciono i titoli di stato americani

Cresce ancora più velocemente il gap tra i depositi bancari e i prestiti alle imprese in Usa

di Enzo Lecci, pubblicato il
Cresce ancora più velocemente il gap tra i depositi bancari e i prestiti alle imprese in Usa

Secondo i numeri diffusi dalla Federal Reserve, nei primi 7 mesi del 2012 le banche americane hanno comprato titoli di stato Usa per complessivi 136,4 mld di dollari contro i 62,6 mld di dollari dell’interno 2011. Alla luce dei nuovi acquisti il totale dei titoli di stato americani detenuti nelle pance delle banche a stelle e strisce è pari a 1840 mld di dollari, record storico. L’incremento degli acquisti dei titoli di stato americani da parte delle banche Usa si spiega con la forte crescita dei depositi bancari, aumentati, a fine luglio del 3,3% contro un aumento di appena lo 0,7% da parte dei prestiti alle imprese. Proprio il gap esistente tra la crescita dei depositi bancari e quella dei prestiti (mai così alto da due anni) ha di fatto portato le banche Usa ad avere una maggiore disponibilità di fondi da usare per acquistare bond. Secondo Michael Mata, economista di Ing, “I depositi bancari crescono continuamente e le banche comprano titoli di stato, per mettersi al riparo da un’economia che perde slancio, da un’inflazione in calo e dal perdurare della crisi europea“.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia USA

I commenti sono chiusi.