Alitalia: ecco la data entro cui sarà finalizzata la vendita

Presto si deciderà il destino di Alitalia ma Michael O'Leary di Ryanair pensa che non bisognerebbe svenderla.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Presto si deciderà il destino di Alitalia ma Michael O'Leary di Ryanair pensa che non bisognerebbe svenderla.

Il destino di Alitalia sarà deciso entro a primavera inoltrata. Intervistato nel corso della trasmissione radiofonica Circo Massimo di Radio Capital, il commissario straordinario dell’ex compagnia aerea di bandiera ha certificato quella che è la data entro la quale sarà completata la procedura di individuazione dell’offerta più interessante per la vendita di Alitalia. Sono tanti gli spettatori interessati ad una partita che, ormai, si gioca a carte scoperte. Il commissario Luigi Gubitosi, insieme al ministero e il Comitato di sorveglianza, vede il traguardo sempre più vicino. Secondo quanto dichiarato da poche ore, mancano meno di due mesi alla finalizzazione del processo.

“Importante trovare una soluzione definitiva”

Il commissario straordinario Gubitosi, nel corso dell’intervista rilasciata a Radio Capital, ha affermato come sia fondamentale per Alitalia trovare una soluzione definitiva, in modo da poter guardare con maggiore fiducia al medio-lungo periodo. Altresì, ha aggiunto Luigi Gubitosi, è importante non svendere l’azienda, per anni uno dei fiori all’occhiello dei trasporti nel nostro Paese. L’obiettivo finale – conclude Gubitosi – è arrivare a stringere un’alleanza con un grande partner. Quest’ultima, evidentemente, è la soluzione che andrebbe a risolvere in via definitiva il problema di stabilità più volte rilevato nei mesi scorsi.

Alitalia lancia la tariffa light per Usa e Canada: compagnie low cost avvisate, ma attenti ai costi extra

Ricavi in aumento

Intanto, durante l’intervista alla trasmissione radiofonica Circo Massimo, Luigi Gubitosi ha fotografato un quadro importante, che segna il buon lavoro svolto fin qui. La voce ricavi, infatti, ha fatto registrare un rialzo deciso. Attualmente, sostiene Gubitosi, nelle casse di Alitalia si contano qualcosa come 900 milioni di euro. Il raggiungimento di questo risultato non è però sufficiente per dichiarare Alitalia guarita definitivamente. Come tutti i pazienti, necessita di un ulteriore periodo di convalescenza, durante il quale si sarà se la compagnia aerea saprà lasciarsi il periodo buio alle spalle o meno.

Ad esprimersi su Alitalia anche Michael O’Leary di Ryanair che ha dichiarato senza mezzi termini l’inutilità di svendere la compagnia: “Non bisogna svenderla a grandi compagnie che la utilizzerebbero per i loro voli a lungo raggio. È importante che Alitalia continui sulla sua strada, può proseguire e continuare a crescere. È importante che Alitalia continui a far crescere le sue rotte, soprattutto sul lungo raggio perché basta guardare quello che sta accadendo con Qatar Airways” riferendosi chiaramente a Lufthansa o Air France.

Leggi anche: Alitalia, vendita dopo elezioni brutto segnale per gli italiani

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia