Aerei, risarcimenti d’oro mai richiesti: tutto quello che i passeggeri non sanno

Quando si ha il diritto al rimborso? A ricordarcelo è AirHelp, una società informatica con sede nella Silicon Valley.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Quando si ha il diritto al rimborso? A ricordarcelo è AirHelp, una società informatica con sede nella Silicon Valley.

Nel solo weekend di Pasqua, gli italiani che hanno preso l’aereo per spostarsi avrebbero potuto ricevere, se solo l’avessero preteso, complessivamente 5 milioni di euro, cifra riferita a 20 mila passeggeri che hanno avuto disagi con il loro volo, in partenza o di ritorno dalla vacanza. Se ampliamo i nostri confini, invece, la cifra arriverebbe a 5 miliardi di euro, prendendo come riferimento tutte le persone che nel mondo, ogni anno, incontrano oggettive difficoltà nel volare.

Diritto al rimborso

Quando si ha il diritto al rimborso? A ricordarcelo è AirHelp, una società informatica con sede nella Silicon Valley. Ecco tutti i casi in cui il passeggero ha diritto di ricevere un rimborso:

  • Ritardo
  • Volo cancellato
  • Imbarco negato
  • Problema con i bagagli

Se vi state chiedendo se anche le compagnie aeree low cost sono obbligate a rimborsarvi, la risposta è sì. Se, dunque, la prossima volta che volate con una low cost e subite uno dei quattro disagi riportati qui sopra nell’elenco puntate, sappiate che potete (dovete) chiedere un rimborso, che vi deve essere concesso.

Viaggi low cost: i costi nascosti che fanno lievitare il prezzo finale

A quanto ammontano i rimborsi

L’altra domanda più interessante è: a quanto ammontano i rimborsi? Anche in questo caso la risposta potrebbe sorprendervi: dai 250 ai 600 euro. Spesso, tale cifra copre l’intero prezzo del biglietto, a volte è superiore. L’importo è fisso, vale a dire non dipende dal prezzo pagato per l’acquisto del biglietto. Il minimo che si può ricevere è 250 euro, il massimo 600 euro.

Per esempio, se avete acquistato il vostro biglietto al prezzo di 19 euro e subite un ritardo nella partenza, la cancellazione del volo, vi viene negato l’imbarco, oppure un problema con i bagagli, sappiamo che dovrete denunciare quanto accaduto e avere anche un lauto risarcimento, che ripetiamo partire dalla cifra di 250 euro, fino ad arrivare nei casi più estremi ad un massimo di 600 euro.

Leggi anche: Viaggiare 2.0: come avere voli low cost grazie ai biglietti invenduti

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Italia, Social media e internet

I commenti sono chiusi.