Acquistare casa ora è più facile: prezzi in calo e più mutui

Acquistare casa è diventato più facile per le famiglie italiane, a dirlo il Rapporto annuale dell’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

di , pubblicato il
Acquistare casa è diventato più facile per le famiglie italiane, a dirlo il Rapporto annuale dell’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

Per le famiglie italiane il mutuo e l’acquisto della casa sta diventando più accessibile. A dirlo il Rapporto annuale dell’Osservatorio immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, secondo cui i tassi di interesse sono ai minimi, anche i prezzi delle case sono in discesa rispettando un trend che sta andando avanti da anni e il reddito disponibile sembra leggermente in crescita.

I dati

Nel periodo dal 2014 al 2018 si sono raggiunti 578.647 scambi e solo l’anno scorso è salita al 78% la quota delle famiglie che possono comprare casa, come ha scritto di recente Il Sole 24 Ore riportando i dati dell’Abi. La differenza rispetto al 2012 è palese, considerando che in quel periodo la percentuale era del 47% anche a causa della concessione dei mutui molto più ristretta rispetto ad oggi.

Importanti anche le differenze su base territoriale secondo l’indice di accessibilità dell’Abi con il Molise al 20% e la Liguria al 10% mentre per quanto riguarda i mutui questi sono cresciuti del 9% nel 2017, 35,7 miliardi di erogato e una media di 126mila euro per abitazione.

Le regioni interessate

Guardando alle regioni che hanno visto un aumento delle compravendite, l’Emilia Romagna è a quota +11,3%, a seguire le Marche e il Veneto. Bene anche la Lombardia mentre la Basilicata segna quota -5,9%. Per quanto riguarda le città, Bologna ha segnato quota +10,5% mentre Roma solo il +3%. La crescita maggiore delle compravendite si è avuta per le superfici da 50 e 85 mq, generalmente per le superfici  sotto i 50 mq e sopra i 145 mq che hanno visto una crescita maggiore.

Anche i prezzi delle case sono ancora in calo, un calo che ha raggiunto picchi importanti dal 2011 al 2016 ma anche negli ultimi due anni la tendenza è ancora negativa, una motivazione che va ricercata nella crescita a rilento e l’aumento dell’Imu.

Leggi anche: Mutui casa, affare con tassi ai minimi ed è record di erogazioni con 8 su 10 al centro-nord

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: