Abolizione cambio ora legale e solare: la Francia contro lo spostamento delle lancette, cosa cambierà dal 2021

Jean-Claude Juncker vorrebbe imporre lo stop alla fine dell’anno con una mozione votata dalla commissione.

di , pubblicato il
Jean-Claude Juncker vorrebbe imporre lo stop alla fine dell’anno con una mozione votata dalla commissione.

E’ andata avanti per mesi la querelle sul cambio ora solare e legale. Ora la Francia ha deciso di stoppare il cambio dell’ora due volte l’anno e vorrebbe conservare sempre quella legale. A febbraio l’Assemblea Nazionale aveva lanciato una consultazione pubblica a cui hanno risposto due milioni di francesi, il 59.17% ha scelto l’orario legale.

La Francia non vuole più il cambio ora

Ora toccherà a Bruxelles prendere una decisione entro il 2021. La consultazione infatti invierà i dati e dopo aver ascoltato le opinioni dei singoli cittadini si prenderà una decisione. La maggior parte dei francesi in ogni caso ha risposto per l’addio al cambio orario. Una questione che sta andando avanti da molti mesi, mentre in Italia il prossimo 31 marzo scatterà l’ora legale che porterà le lancette un’ora avanti. L’ora legale resterà valida fino al 27 ottobre 2019 poi il futuro non è ancora chiaro ma sicuramente nel nostro paese la questione appare meno semplice del dovuto. Ricordiamo che l’ora legale era stata introdotta nel 1916 per dare più luce alle armi durante la Guerra, fu poi tolta e reintrodotta nel 1966 per risparmiare energia in un periodo di crisi.

Leggi anche: Addio cambio ora legale e solare: stop all’abolizione, possibile rinvio al 2021? Ecco i nodi da sciogliere

Jean-Claude Juncker vorrebbe imporre lo stop alla fine dell’anno con una mozione votata dalla commissione. Gli Stati dovrebbero decidere quali ora tenere entro aprile 2020 e poi l’ultimo cambio ora sarebbe previsto entro marzo 2021. Grecia, Portogallo e Regno Unito sembrano uniti contro l’abolizione mentre la Germania, la Francia e i paesi nordici, anche per una questione di luce, sembrano a favore. Anche l’Italia, come i paesi Mediterranei, si trova abbastanza unita con Grecia, Portogallo e via dicendo ma quello che per ora appare certo, è che almeno fino al 2020 il cambio ora ci sarà.

Vantaggi e svantaggi del cambio ora

Sono molte le tesi a favore dell’ora legale per una questione di risparmio. Spostare la lancetta avanti infatti determina, secondo i dati recenti, un risparmio di 80 milioni di euro l’anno, 645 milioni di kilowattora, perché permette di consumare meno artificiale.

Ovviamente ci sono anche svantaggi ossia si dorme un’ora in meno. Altri studi scientifici, invece, hanno analizzato gli effetti negativi del cambio ora sulla salute umana e a metterci lo zampino anche le compagnie aeree che avrebbero particolare difficoltà ad pianificare le flotte, organizzare gli equipaggi e via dicendo con un cambio di ora 3 volte solo per volare, a titolo di esempio, da Amsterdam a Strasburgo.

Leggi anche: Abolizione cambio ora legale e solare: che cosa cambierà nel 2019 e quali benefici economici

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,
>