5mila morti all’anno in Europa e non si tratta né di guerre né di ISIS (info-grafica): lo studio sul Dieselgate

Qualcuno ricorda ancora il Dieselgate che coinvolse la Volkswagen? Ebbene, ecco alcuni dati: si tratta di morti che si conterebbero normalmente in guerra.

di , pubblicato il
Qualcuno ricorda ancora il Dieselgate che coinvolse la Volkswagen? Ebbene, ecco alcuni dati: si tratta di morti che si conterebbero normalmente in guerra.

Sono numeri da guerra, non c’è che dire: anche se il Dieselgate per molti può sembrare un ricordo lontano, ecco alcuni dati che dovrebbero far sobbalzare, soprattutto perché l’Italia è il paese in cui si muore di più per cause connesse all’inquinamento da auto. Secondo le statistiche più aggiornate (che trovate nell’info-grafica) sono circa 10mila le persone che ogni anno muoiono in Europa a causa del NOx (ossido di azoto), il gas nocivo che viene emesso dai motori a diesel. Quasi 3mila vittime si hanno soltanto in Italia, ma il dato davvero allarmante riguarda appunto l’entità delle morti imputabili a emissioni che superano le quantità consentite (il Dieselgate e Volkswagen) e si tratta di circa 5mila morti assolutamente evitabili.

I dati – Scandalo Dieselgate: 38.000 decessi nel 2015 a causa dell’inquinamento, tutta la verità nascosta.

La ricerca sulle morti per inquinamento: l’Italia e il suo triste primato

La ricerca è stata sviluppata dal MetNorway, l’Istituto meteorologico norvegese, in connessione con l’IIASA, l’International Institute for Applied Systems Analysis, e la svedese Chalmers University of Technology. Ecco, intanto, l’info-grafica:

Analizzando i dati, si nota come sommando i morti in Italia (che guida questa triste classifica), Germania, Francia e Regno Unito, si tratti del 70% sui decessi totali, a fronte del 50% della popolazione. In più, l’Italia ha la media più alta di tutti (anche rispetto alla popolazione) e la concentrazione maggiore sarebbe nel Nord del paese, dove vi è un’alta urbanizzazione in aree dove si concentra il trasporto su strada.

Il Dieselgate ha prodotto circa 5mila morti

Secondo Jens Borken-Kleefeld, esperto presso l’IIASA “se le auto diesel non avessero inquinato oltre i tetti imposti dall’Ue, si sarebbero evitate circa 5.000 morti premature l’anno”, e inoltre “avremmo potuto salvare ancora più vite, precisamente 7.500 se le auto diesel avessero ridotto le fuoriuscite di NOx ai livelli dei veicoli a benzina”. Anche in questo caso il problema è la normativa europea che risulta essere curiosamente più severa nei confronti dei mezzi a benzina che non di quelli a diesel. Insomma, la bufera che ha colpito la Volkswagen nel 2015, rea di aver truccato i test, ha mietuto un grande numero di vittime: l’Europa è corsa ai ripari, ma i problemi restano le interconnessioni tra produttori, governi nazionali e governo europeo.

Argomenti: , ,