10 decisioni del Parlamento Ue fondamentali che forse non conosci

10 decisioni dell'Europarlamento che ci hanno cambiato la vita spesso senza saperlo.

di , pubblicato il
10 decisioni dell'Europarlamento che ci hanno cambiato la vita spesso senza saperlo.

Il Parlamento dell’Unione europea, noto anche come Europarlamento, ha in passato deliberato su questioni fondamentali, tanto da cambiare la vita di tutti i cittadini dell’euro-zona, quest’ultimi inconsapevoli che determinate e determinanti scelte siano state prese dagli europarlamentari. Il Sole 24 Ore, nell’articolo a cura della giornalista Chiara Bussi, ha ricordato 10 decisioni dell’Europarlamento che ci hanno cambiato la vita spesso senza saperlo (titolo tra l’altro utilizzato per l’approfondimento pubblicato nella testata online lo scorso 1° aprile.

E no, non è un pesce d’aprile.

#1 Il 112

Esiste un numero di emergenza valido in tutti gli stati europei: il 112. Indipendentemente da dove ci si trova, è sufficiente comporre il numero 112 da rete fissa o da rete mobile per ricevere assistenza. Anno: 2008

#2 Puntualità nei pagamenti

La Pubblica Amministrazione e le imprese sono solite pagare in ritardo. O almeno, aveva questa cattiva abitudine fino a qualche anno fa. Una direttiva dell’Europarlamento ha imposto infatti il saldo delle fatture entro 60 giorni, mentre per le PA il tempo a disposizione è pari a 30 giorni.
Anno: 2014

#3 Erasmus

Il più grande programma in materia di istituzione è stato promosso dall’Unione europea 32 anni fa. Da allora ne hanno usufruito 9 milioni di studenti.
Anno: 1987

#4 Privacy

Un tema di grande attualità, affrontato dall’Europarlamento con una recente direttiva, che ha trovato applicazione non più tardi di un anno fa. Il GDPR ha cambiato profondamente il trattamento dei dati online.
Anno: 2018

#5 Ce

Ce, questo sconosciuto. Lo vediamo tutti i giorni nelle confezioni dei prodotti che consumiamo o degli articoli che acquistiamo. Tale sigla certifica che la merce o ciò che mangiamo è conforme alle disposizioni europee.
Anno: 1993

#6 Tessera sanitaria europea

I cittadini europei possono ricevere assistenza sanitaria gratuita grazie alla tessera sanitaria europea. Ha una validità di 6 anni.
Anno: 2004

#7 Pnr

Passenger Name Record, o più semplicemente Pnr, vale a dire il codice prenotazione che ci viene assegnato ogni volta che prenotiamo un volo aereo con destinazione un altro Paese appartenente all’Unione europea.
Anno: 2018

#8 E-commerce senza limiti

Fino a due anni fa, quando si voleva acquistare un prodotto presso l’e-commerce di un Paese dell’Ue diverso dall’Italia, spesso il sistema respingeva il cliente.

Ora invece si può acquistare qualsiasi prodotto online con il prezzo applicato per quel determinato territorio nazionale.
Anno: 2018

#9 Iban

Il codice Iban del proprio conto corrente è riconosciuto in tutti i Paesi dell’Unione europeo, al fine di rendere i pagamenti più veloci e agevoli.
Anno: 2016

#10 Addio roaming

Anche l’abolizione del roaming è opera di una direttiva promossa dall’Europarlamento, grazie alla quale è possibile utilizzare la tariffa del proprio cellulare alle stesse condizioni in tutti i Paesi Ue.

Leggi anche: Criptovalute, Bitcoin come ai vecchi tempi: rialzi record, capitalizzazione complessiva vicina a 180 miliardi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,
>